La Casa della Legalità - Onlus è un'associazione nazionale di volontariato, indipendente ed opera senza finanziamenti pubblici o sponsor

seguici e interagisci suFACEBOOK TWITTER  YOUTUBE

CASA DELLA LEGALITA' E DELLA CULTURA - Onlus
Osservatorio sulla criminalità e le mafie | Osservatorio sui reati ambientali | Osservatorio su trasparenza e correttezza della P.A.

DIA: inquietante contiguità tra mafia e settori della politica ed amministrazioni locali

Sono anni che lo ripetiamo, come Casa della Legalità, in ogni ambito, spesso conquistando sguardi di sdegno. Dire queste cose ci porta ad essere visti come "mostri" che non sanno cosa dicono e che esagerano... Lo si è detto e ripetuto mentre in troppi del mondo della cosiddetta “antimafia” (a partire da chi opera a braccetto con la politica e le amministrazioni locali) continuavano (e continuano) a guardare ed indicare la luna, gli ectoplasmi, i teoremi... 

E' sul territorio, in ogni singolo territorio, ove le mafie intravedono possibilità di affari, che si sviluppa la contiguità, gli accordi, i patti... E' in ogni ambito di interesse delle cosche che si sviluppano relazioni con politici ed amministratori pubblici disponibili e permeabili. Quando diciamo che è fuorviante parlare di "trattativa" perché le organizzazioni mafiose vive di trattative costanti con i soggetti disponibili a loro utili al perseguimento dei propri fini...

Se non si comprende questo non si può procedere ad alcuna concreta azione di contrasto alle mafie. Per questo da anni puntiamo le nostre forze nell'individuare le criticità e storture nella gestione delle Amministrazioni Pubbliche e nell'azione di certi politici che promuovono gestioni e scelte volte, nei fatti, ad agevolare gli interessi delle cosche mafiose. Per questo continuiamo ad insistere che occorra, senza pregiudizio o reticenza, promuovere un analisi territorio per territorio, individuando le collusioni e complicità con gli esponenti mafiosi, spesso mascherati da “imprenditori”, sia dei cosiddetti “professionisti” a libro paga sia di pezzi delle Pubbliche Amministrazioni e della politica (così come anche quelle contiguità e complicità con alcuni esponenti dei settori di controllo, compresi servitori infedeli dello Stato tra le forze dell'ordine ed anche all'interno della magistratura).

Ora il punto chiave del rapporto con politica ed amministrazioni pubbliche viene ribadito in modo inconfutabile dalla DIA nella sua Relazione relativa al 1° semestre del 2013:

"L'aspetto più inquietante dell'agire mafioso continua ad essere rappresentato dalla contiguità - riscontrata in talune realtà territoriali - con settori della politica e delle amministrazioni locali, che realizza un circuito perverso di condizionamento e depotenziamento delle istituzioni con drammatiche conseguenze sullo sviluppo socio-economico".

Noi, nel frattempo, continuiamo a subire tentativi di delegittimazione, isolamento, nonché intimidazioni e minacce, avvolti in una sorta di “consegna del silenzio”.
 



Le ultime relazioni semestrali della DIA:

(formato .pdf)

2013 - 1° semestre

2012 - 1° semestre | 2° semestre
 

Stampa Email

presto attivo il

Frammenti sulla Liguria

Frammenti su altre Regioni

Dossier & Speciali

I siti per le segnalazioni

Osservatorio Antimafia
www.osservatorioantimafia.org

Osservatorio Ambiente e Salute
www.osservatorioambientesalute.org

Osservatorio sulla
Pubblica Amministrazione
www.osservatoriopa.org

 

e presto online

sito in fase di allestimento