La Casa della Legalità - Onlus è un'associazione nazionale di volontariato, indipendente ed opera senza finanziamenti pubblici o sponsor

seguici e interagisci suFACEBOOK TWITTER  YOUTUBE

CASA DELLA LEGALITA' E DELLA CULTURA - Onlus
Osservatorio sulla criminalità e le mafie | Osservatorio sui reati ambientali | Osservatorio su trasparenza e correttezza della P.A.

Campania, arrestato consigliere regionale

In Campania "si può fare", proprio come in Calabria! Infatti ne hanno arrestato un altro. Era già indagato per concorso esterno in associazione mafiosa ed ora è agli arresti per corruzione...

Il 28 gennaio 2008 si apprendeva che il consigliere regionale della Campania, Roberto Conte (Partito Democratico) era indagato per concorso esterno in associazione mafiosa. Al centro dell'indagine i suoi legami con il clan camorristico dei Misso. Uno si aspetta che il nuovo PD di Veltroni (alleato con Di Pietro e la sua Italia dei "Valori") lo avesse allontanato all'istante. Ed invece, come al solito niente.
Il 20 febbraio 2008, nemmeno un mese dopo quella notizia, il consigliere regionale Roberto Conte è stato arrestato per corruzione. Lui, un "rutelliano coraggioso", viene quindi sospeso dagli incarichi interni, ferma restando - ci tengono a sottolinearlo i dirigenti del PD - che resta innocente sino a sentenza definitiva.
Per l'ennesima volta se non arriva la Magistratura, un uomo colpito da gravi sospetti, da gravi indizi, per collusione mafiosa e corruzione, resta beatamente al suo posto. Complimenti, ancora una volta alla politica (che dovrebbe essere quella nuova, pulita, sic!).
Ma forse in Campania hanno interpretato il "si può fare" veltronian-dipietrista come auspicio di battere - o quanto meno tentare di pareggiare i conti - con il Consiglio regionale della Calabria dove si contano almeno 34 consiglieri (su 50) tra indagati, condannati, prescritti, rinviati a giudizio o arrestati. Bassolino - rinviato a giudizio per la partita rifiuti e gli affari d'oro dell'Impregilo e Fibia, il consigliere regionale dell'Italia dei "Valori" e segretario provinciale di Napoli, Nicola Marrazzo con la sua famiglia, a partire dal fratello, che è stata ed è con le sue società (stando alle risultanze investigative, ai verbali ora de-secretati della Commissione di Inchiesta sui Rifiuti e la Prefettura di Napoli) legata al potente clan camorristico dei Casalesi. Certo di strada ce ne vuole per raggiungere la regione del già prescritto e rinviato a giudizio Agazio Loiero, ma "si può fare"... D'altronde Marco Minniti, leader dei Ds (ora PD) calabrese e vice-ministro degli Interni, anziché pretendere lo scioglimento del Consiglio Regionale della Calabria, ha supplicato la coalizione a resistere ancora e non cedere. Complimenti!


 

Tags: camorra, concorso esterno, campania, arresto, roberto conte

Stampa Email

presto attivo il

Frammenti sulla Liguria

Frammenti su altre Regioni

Dossier & Speciali

I siti per le segnalazioni

Osservatorio Antimafia
www.osservatorioantimafia.org

Osservatorio Ambiente e Salute
www.osservatorioambientesalute.org

Osservatorio sulla
Pubblica Amministrazione
www.osservatoriopa.org

 

e presto online

sito in fase di allestimento