La Casa della Legalità - Onlus è un'associazione nazionale di volontariato, indipendente ed opera senza finanziamenti pubblici o sponsor

seguici e interagisci suFACEBOOK TWITTER  YOUTUBE

CASA DELLA LEGALITA' E DELLA CULTURA - Onlus
Osservatorio sulla criminalità e le mafie | Osservatorio sui reati ambientali | Osservatorio su trasparenza e correttezza della P.A.

'Ndrangheta, a Milano 14 condanne a processo Ortomercato

Pene dai 5 anni ai 14 anni per associazione per delnquere finalizzata al traffico di droga. Il giudice ha stabilito anche risarcimenti da 10 mila euro sia alla Sogemi, la società che gestisce il sito, che al suo presidente...


Milano, 1 ago. (Adnkronos) - Sono quattordici le condanne a pene che vanno dai 5 anni ai 14 anni e 4 mesi per associazione per delnquere finalizzata al traffico di droga decise nel pomeriggio dal gup di Milano Fabio Paparella al termine del processo con rito abbreviato in relazione alla vicenda dell'Ortomercato. Nella sua sentenza, inoltre, il giudice ha stabilito risarcimenti da 10 mila euro sia alla Sogemi, la societa' che gestisce l'ortomercato milanese, che al suo presidente Roberto Predolin.

Per i 14 imputati il pm Laura Barbaini aveva chiesto condanne fino a un massimo di 16 anni reclusione. Tra i capi dell'organizzazione, secondo l'accusa, c'e' Salvatore Morabito, attualmente a piede libero, nipote del boss della 'ndrangheta Giuseppe detto 'Peppe u Tiradrittu', condannato oggi a 13 anni e 8mesi. Per lui l'accusa aveva chiesto 14 anni e 8 mesi. Secondo gli inquirenti l'imputato avrebbe avuto il compito di "organizzare le compagini societarie operanti all'interno delle strutture dell'ortomercato di Milano".

Gli altri presunti capi sono Pasquale Modaffari, condannato a 14 anni di reclusione, Antonino Palamara, al quale e' stata inflitta una pena di 14 anni e 4 mesi, Francesco Pizzinga, che ha avuto 14 anni, Leone Antelitano, Francesco Zappala' 10 anni e 10 mesi. Quest'ultimo in particolare, sempre secondo la ricostruzione fatta dall'accusa al termine delle ndagini, avrebbe avuto il ruolo di organizzare e gestire il "controllo dei referenti esteri incaricati per l'introduzione dello stupefacente" e di "predisporre e supervisionare gli strumenti operativi e finanziari necessari ai referenti esteri per il perfezionamento delle operazioni con il compito specifico di preordinare le modalita' di luogo e di tempo degli spostamenti all'estero dei membri operanti in Calabria nonche' dei referenti esteri".

Tags: 'ndrangheta, milano, ortomercato, sogemi, morabito-palamara-bruzzaniti, Pasquale Modaffari, antonino palamara, leone antelitano, francesco zappalà, salvatore morabito, giuseppe morabito, u tiradrittu

Stampa Email

presto attivo il

Frammenti sulla Liguria

Frammenti su altre Regioni

Dossier & Speciali

I siti per le segnalazioni

Osservatorio Antimafia
www.osservatorioantimafia.org

Osservatorio Ambiente e Salute
www.osservatorioambientesalute.org

Osservatorio sulla
Pubblica Amministrazione
www.osservatoriopa.org

 

e presto online

sito in fase di allestimento