La Casa della Legalità - Onlus è un'associazione nazionale di volontariato, indipendente ed opera senza finanziamenti pubblici o sponsor

seguici e interagisci suFACEBOOK TWITTER  YOUTUBE

CASA DELLA LEGALITA' E DELLA CULTURA - Onlus
Osservatorio sulla criminalità e le mafie | Osservatorio sui reati ambientali | Osservatorio su trasparenza e correttezza della P.A.

'Ndrangheta, arrestato il capo della cosca di San Luca

Il latitante si nascondeva in casa di un parente: l'operazione per la sua cattura era partita dopo la strage di Duisburg...


SAN LUCA (REGGIO CALABRIA)
Da quindici mesi aveva fatto perdere le sue tracce. Da quando era riuscito a sfuggire alla cattura nell'ambito dell'operazione «Zaleuco» contro le cosche di San Luca. Anche all'alba di oggi Paolo Nirta, figlio del boss Giuseppe, ha tentato la fuga quando i carabinieri del gruppo di Locri e dello squadrone «Cacciatori» hanno sfondato la porta di un'abitazione del centro reggino dove il trentunenne si nascondeva. Una fuga inutile, lanciandosi dal balcone, finendo però nelle mani di un centinaio di militari dell'Arma che, nel frattempo, avevano circondato l'abitazione.

Un arresto importante nello scacchiere della lotta alla 'ndrangheta, considerato che Paolo Nirta era considerato il reggente dell'omonima cosca alleata e imparentata con gli Strangio, rivali delle famiglie Pelle e Vottari, al centro della faida di Duisburg in cui furono uccise sei persone. Nei mesi scorsi gli inquirenti avevano chiuso dietro le sbarre il padre di Paolo, Giuseppe Nirta, e il fratello Giovanni, marito di Maria Strangio, uccisa nella faida il giorno di Natale del 2006. Per questo Paolo Nirta aveva assunto la reggenza della cosca, restando nel piccolo borgo aspromontano, decidendo di non allontanarsi dalla sua terra, dove probabilmente si sentiva protetto anche grazie ai tanti cunicoli e boonker realizzati sotto terra e nelle abitazioni. Resta ancora libero, ricercato ovunque dalle forze di polizia, il cognato di Paolo Nirta, Giovanni Strangio, accusato di essere stato uno dei killer di Duisburg. La casa dove Paolo Nirta è stato rintracciato all'alba di oggi sarebbe intestata a un congiunto che vive lontano dal centro reggino e, fino a oggi, non era stata individuata tra quelle ritenute «a rischio» come possibile nascondiglio per i latitanti.

L'arresto del trentunenne latitante ha fatto registrare le reazioni positive delle forze politiche, convinte della necessità di insistere nel lavoro di intelligence e investigazione che sta consentendo di chiudere il cerchio intorno ai capi delle 'ndrine calabresi.

Il sottosegretario all'Interno, Alfredo Mantovano, ha espresso «stima e gratitudine al Comandante dell'Arma dei Carabinieri, Gen. Gianfranco Siazzu, per aver portato a termine un importante arresto che contribuisce a disarticolare una delle cosche più pericolose della 'ndrangheta calabrese». Il ministro dell'Interno del Governo ombra del Pd, Marco Minniti, ha posto l'accento sul fatto che «si fa bene a insistere con questa strategia con continuità perchè liberare il territorio dalla ipoteca violenta e condizionante dei latitanti è una delle condizioni più importanti per sconfiggere la 'ndrangheta e le mafie».

Tags: 'ndrangheta, san luca, maria strangio, pelle, strage duisburg, zaleuco, paolo nirta, giuseppe nirta, strangio, vottari, giovanni strangio, latitante

Stampa Email

Frammenti sulla Liguria

Frammenti su altre Regioni

Dossier & Speciali

I siti per le segnalazioni

Osservatorio Antimafia
www.osservatorioantimafia.org

Osservatorio Ambiente e Salute
www.osservatorioambientesalute.org

Osservatorio sulla
Pubblica Amministrazione
www.osservatoriopa.org

 

e presto online

sito in fase di allestimento