La Casa della Legalità - Onlus è un'associazione nazionale di volontariato, indipendente ed opera senza finanziamenti pubblici o sponsor

seguici e interagisci suFACEBOOK TWITTER  YOUTUBE

CASA DELLA LEGALITA' E DELLA CULTURA - Onlus
Osservatorio sulla criminalità e le mafie | Osservatorio sui reati ambientali | Osservatorio su trasparenza e correttezza della P.A.

A Terrasini il "codazzo" al boss si puo' fare, parola del Sindaco

Girolamo Qualcuno pensava che il "codazzo" del boss Girolamo "girovago" D'Anna, con uomini di primo piano della Pubblica Amministrazione di Terrasini, fosse un'indecenza? No, farsi "codazzo" del boss, è normale, giusto e sacrosanto... anzi premiante per il Sindaco di Terrasini, Girolamo "Mimmo" Consiglio.

Lo apprendiamo da una lettera aperta del Sindaco di Terrasini al Nicolò Sacco. Il Consiglio scrive al suo uomo di fiducia, da lui nominato nel Nucleo di Valutazione del Comune di Terrasini, dicendogli che ha lavorato bene, che è bravo e buono. Gli esprime solidarietà perché vittima di maldicenze e calunnie... vittima di barbarie. Torna a farsi con il Sacco vitta lui stesso e riparte il giochetto sul complotto politico, con colpi bassi, di cui lui e l'amico Sacco sarebbero vittime. Ringrazia il Sacco e lo invita a tornare... a mantenere la collaborazione con la sua Amministrazione nel Comune di Terrasini...


Peccato che non vi sia alcun attacco politico da parte nostra a lui o al Sacco. I due si danno persino dei "mafiosi" da soli per farsi vittime e distogliere l'attenzione dai fatti. Noi dei "mafiosi" a loro non lo abbiamo mai detto, abbiamo detto altro. Anzi, non abbiamo fatto altro che fotografare la realtà dei fatti (non smentibili) che, sintetizzata, è: Nicolò Sacco, uomo di fiducia del sindaco di Terrasini, membro su nomina fiduciaria del Sindaco stesso nel Nucleo di Valutazione del Comune, ha l'abitudine di fare il "codazzo" del boss di Cosa Nostra, Girolamo D'Anna, nella piazza principale di Terrasini. Ed il sindaco davanti a questi fatti che si mette a fare? Da la solidarietà e rinnova piena fiducia al Sacco del "codazzo" senza battere ciglio.

A noi, che siamo "barbari", non ci piacciono le contiguità, le frequentazioni e le riverenze di uomini delle Istituzioni con boss mafiosi. Saremo fatti male, che ci si vuole fare, ma proprio non ci va giù il messaggio che tali comportamenti lanciano alla comunità. Invece per il Sindaco di Terrasini non c'è nulla di male nel frequentare amichevolmente, pubblicamente, al mostrarsi contigui a mafiosi patentati... e quindi rinnova ringraziamenti, solidarietà e fiducia a chi ha abitudine a non sentire il puzzo di quella montagna di merda chiamata mafia. Invita a restare accanto a lui, nella gestione della cosa pubblica, chi quel puzzo lo frequenta platealmente.

Noi siamo proprio cattive persone, non c'è niente da fare... ma ancora una volta:
- chi deve rassicurare il sindaco Consiglio con tali uscite davvero, ce lo lasci dire, senza dignità e rispetto della decenza?
- perché mistificare la realtà, inventandosi attacchi politici, per far risultare addirittura sacrosanto fare il "codazzo" del boss?

A questo punto dobbiamo aspettarci di vedere anche il Consiglio nel pubblico "codazzo" - ora sdoganato direttamente dalla sua lettera - per dimostrare ai concittadini che è meglio seguire e stare con il boss D'Anna piuttosto che con certe brutte e cattive associazioni Antimafia?

La lotta alla mafia è fatta anche di segnali, in cui sono importanti gli atteggiamenti ed i comportamenti... quelli che giungono da Terrasini sono palesemente dei pessimi segnali... ed ogni risposta del Sindaco è, purtroppo, sempre più inquietante!



Comune di Terrasini

Lettera del Sindaco al prof. Nicolò Sacco

In riferimento alla Sua lettera del 07/08/2009, prot. n. 20187, con la presente intendo ribadire con forza la fiducia e la stima che nutro nei Suoi confronti; stima e fiducia che non vengono assolutamente intaccate dalle maldicenze e dalle insinuazioni  che sono state messe in giro nei Suoi riguardi negli ultimi giorni.
Mi preme, principalmente, manifestarLe la mia vicinanza e la mia più sincera solidarietà in questo momento alquanto difficile per Lei a causa delle offese vergognose che sono state rivolte alla Sua persona.
Voglio, inoltre, ringraziarla pubblicamente per la Sua collaborazione e per l'attività portata avanti come presidente del Nucleo di Valutazione: lavoro che Lei ha svolto con competenza, responsabilità, serietà e imparzialità al servizio della nostra comunità.
So bene che la lotta politica, talvolta, può risultare aspra e non priva di colpi bassi, ma ciò di cui Lei è stato vittima non è più semplice e dura competizione politica, perché lanciare accuse e insinuazioni così gravi verso le persone per bene, significa non già esercitare un legittimo diritto di critica, ma semplicemente offendere e calunniare. Questa è una sorta di barbarie: non è con questi metodi che si combatte seriamente la mafia.
Per quel che ci riguarda, comunque, non ci faremo intimidire da questi attacchi e da queste accuse velenose e strumentali, ma continueremo ad operare con coscienza e serietà nell'interesse della collettività terrasinese e continueremo, pertanto, anche la nostra azione di contrasto alla mafia con convinzione e nel rispetto della legge, con la massima trasparenza dell'azione amministrativa e con atti forti e concreti, come è stato, ad esempio, con la costituzione di parte civile del Comune di Terrasini nei processi a carico dei boss Lo Piccolo: e proprio in questa, come in altre occasioni, ricordo la Sua totale adesione all'importante e coraggiosa iniziativa dell'Amministrazione Comunale.
Esprimendo, infine, vivo rammarico e grande amarezza per quanto accaduto e in relazione alla Sua volontà di non continuare la collaborazione con l'Amministrazione Comunale di cui riferisce nella Sua lettera, in virtù proprio di quanto sopradetto e a riconferma della mia stima nei Suoi confronti e della mia fiducia nella correttezza del Suo operato, La invito a ritornare sui Suoi passi e Le chiedo di voler continuare la Sua collaborazione col sottoscritto e con l'Amministrazione Comunale che mi onoro di guidare, nell'interesse esclusivo del nostro paese.



Gli articoli precedenti:

09.08.2009 - Ufficio di Presidenza
A Terrasini il Sacco del "codazzo" se ne va...

[con la lettera di Nicolò Sacco]

01.08.2009 - Ufficio di Presidenza
Il Sindaco di Terrasini, Girolamo Consiglio, vuole fare il furbetto

[con video di Telejato]

30.07.2009 - Ufficio di Presidenza
Il boss, il codazzo ed il giro dell'ombra ai bar di Terrasini

 

Stampa Email

Frammenti sulla Liguria

Frammenti su altre Regioni

Dossier & Speciali

I siti per le segnalazioni

Osservatorio Antimafia
www.osservatorioantimafia.org

Osservatorio Ambiente e Salute
www.osservatorioambientesalute.org

Osservatorio sulla
Pubblica Amministrazione
www.osservatoriopa.org

 

e presto online

sito in fase di allestimento