La Casa della Legalità - Onlus è un'associazione nazionale di volontariato, indipendente ed opera senza finanziamenti pubblici o sponsor

seguici e interagisci suFACEBOOK TWITTER  YOUTUBE

CASA DELLA LEGALITA' E DELLA CULTURA - Onlus
Osservatorio sulla criminalità e le mafie | Osservatorio sui reati ambientali | Osservatorio su trasparenza e correttezza della P.A.

Arrestato l'immobiliarista Danilo Coppola

01.03.2007 – Diario

Arrestato l'immobiliarista Danilo Coppola (con altri sette collaboratori).

Le accuse: bancarotta, aggiotaggio e appropriazioni indebite. Il buco sarebbe di 130 milioni. A cui si aggiungerebbero 72 i milioni di imposte non versate. Era già tutto scritto...



La Guardia di finanza ha arrestato stamattina Danilo Coppola, immobiliarista romano, protagonista con Stefano Ricucci l'estate scorsa di quello che passò alla storia come lo scandalo dei fubetti del quartierino. Oltre a Coppola, che possiede tra l'altro lo 0.10 di Mediobanca (le azioni sono state sequestrate) sono finiti in carcere sei suoi collaboratori: Luca Necci (cognato di Coppola) e Francesco Bellocchi (ex cognato di Ricucci),Andrea Raccis, Giancarlo Tumino, Gaetano Bolognese, Daniela Candeloro e il suo legale avvocato Alfonso Ciccaglione. Tutti suoi collaboratori.

L'indagine che ha portato agli arresti, firmati dal gip Caivano, sono state condotte dai pm romani Giuseppe Casini e Lucia Lotti. Secondo l'accusa Coppola e i suoi avrebbero creato una serie di società immobliari fittizie con lo stesso consiglio di amministrazioni in modo da farle fallire al momento giusto. In questo modo sarebbe stato creato un ammanco di 130 milioni di euro, a cui ne vanno aggiunti altri 70 di imposte non pagate (40 dovuti all'Iva, 32 a imposte dirette). Durante l'operazione la Guardia di finanza ha sequestrato in vi preventiva lo 0,10 di azioni di Mediobanca e quote di Roma calcio. Coppola è indagato per vicende analoghe anche a Torino e Milano.

Danilo Coppola era salito alle cronache nell'agosto 2005 per il tentativo di scalata al Corriere della sera, le azioni di Bnl cedute a Unipol con fortissime plusvalenze. Diario è stato tra i giornali che per primo ha sollevato lo scandalo, che avrebbe condotto alle dimissioni del governatore della Banca d'Italia Antonio Fazio.

Ecco quanto scrivevamo allora.


L'inchiesta vecchio stile
E la «rude razza romana» va all’assalto del sistema
Rcs, Antonveneta, Bnl. Una composita compagnia di banche di provincia e immobiliaristi d’assalto sfida il cuore della finanza del Nord. Ecco come Stefano Ricucci, Danilo Coppola e Giuseppe Statuto sono diventati i nuovi campioni del (debole) capitalismo italiano. E chi sono i loro amici. A destra. E a sinistra
di Gianni Barbacetto

L'inchiesta vecchio stile
Giuseppe Statuto, storia del primo miliardo
È più defilato di Stefano Ricucci. Più presentabile di Danilo Coppola. Meno provvisorio di entrambi. Ma non meno misteriosa è l’origine della sua improvvisa ricchezza. Che ha una data: 22 maggio 2003. E un luogo di nascita: le Isole Vergini Britanniche. Ecco, società per società, come è avvenuto il parto
di Domenico Marcello

Buonsenso
Il governatore e gli scalatori mascherati
Una sotterranea «Bicamerale della finanza» sta cercando di ridisegnare il profilo del capitalismo italiano
di Gianni Barbacetto

Il «compagno Ricucci» e Consorte
Diario delle scalate. La svolta di Unipol in una gara a rischio senza regole in cui non tutti sono uguali
di Gianni Barbacetto

L'inchiesta vecchio stile
Le Parmalat prossime venture
E ora, a chi tocca? In Italia e nel mondo c’è chi se lo chiede con preoccupazione, dopo i crac globali. Ma esiste un modo semplice per chiudere con le supertruffe: vietare alle società quotate di avere rapporti con finanziarie insediate nei paradisi fiscali
di Domenico Marcello

L'inchiesta vecchio stile/5
Quando il palazzinaro rischiò il crac
Compagni di strada/3. Danilo Coppola. Un prestito da 80 milioni di euro garantito da un prestigioso immobile milanese. Le banche premono, altre banche subito soccorrono. Piove sempre sui furbetti
di Giuseppe Fanti

L'inchiesta vecchio stile
Siena, la Banda dei Quattro che ha detto no
I Ds senesi hanno rifiutato gli inviti del segretario del loro partito, Piero Fassino, a entrare nel sudoku bancario a fianco di Unipol. Subito additati come isolazionisti e «medioevali», ora possono essere considerati accorti e lungimiranti. Ma perché lo hanno fatto? E quali saranno le loro prossime mosse?
di Gianni Barbacetto

 

Tags: scalate, fazio, speculazione edilizia, coppola, consorte, ricucci, furbetti, statuto, danilo coppola, parlamat

Stampa Email

Frammenti sulla Liguria

Frammenti su altre Regioni

Dossier & Speciali

I siti per le segnalazioni

Osservatorio Antimafia
www.osservatorioantimafia.org

Osservatorio Ambiente e Salute
www.osservatorioambientesalute.org

Osservatorio sulla
Pubblica Amministrazione
www.osservatoriopa.org

 

e presto online

sito in fase di allestimento