La Casa della Legalità - Onlus è un'associazione nazionale di volontariato, indipendente ed opera senza finanziamenti pubblici o sponsor

seguici e interagisci suFACEBOOK TWITTER  YOUTUBE

CASA DELLA LEGALITA' E DELLA CULTURA - Onlus
Osservatorio sulla criminalità e le mafie | Osservatorio sui reati ambientali | Osservatorio su trasparenza e correttezza della P.A.

BALESTRINO. Tra le domande alla sindaco ISMARRO ed un frammento della ragnatela di rapporti della cosca dei GULLACE

Il 18 agosto come Casa della Legalità abbiamo deciso che era l'ora di chiedere pubblicamente conto alla Sindaco di Balestrino, ISMARRO Gabriella, dei comportamenti omissivi del Comune che stanno portando al fallimento l'impresa di Rolando Fazzari che, sin da adolescente, si era dissociato dalla propria famiglia d'origine che era ed è famiglia di 'ndrangheta.

A documentare questo “incontro” con la Sindaco, che negava l'evidenza cercando di sfuggire, vi erano anche i giornalisti di Fivedabliu e Ninin...

Leggi tutto

Stampa Email

Caso Fazzari - Festa di Rifondazione, finalmente ammissione di responsabilità o solo strumentalizzazione?

La proiezione del documentario “Rolando, un padre contro la ‘ndrangheta” alla Festa di Rifondazione a Savona, con la presenza degli autori Mimmo Lombezzi e Mario Molinari, auspichiamo sia una svolta e non solo un tentativo di “usare” la vicenda (e tragedia) di Rolando per fini politico-propagandistici.

Rifondazione per la prima volta, con questa iniziativa, sembra voler affrontare la questione ‘ndrangheta in Liguria, ma vista la vicenda (e tragedia) di Rolando Fazzari, questo appuntamento dovrebbe essere (se non vuole risultare una pura strumentalizzazione del tema) prima di tutto l’occasione in cui  Rifondazione riconosce finalmente le proprie responsabilità - con quel centrosinistra ligure con cui ha governato la Regione - sia rispetto alle concessioni effettuate alle imprese di famiglie di ‘ndrangheta (ed in primis ai FAZZARI-GULLACE), sia rispetto alle parallele omissioni sistematiche della Regione - anche quando Rifondazione contava l’Assessorato all’Ambiente - davanti alle denunce e segnalazioni portate proprio da Rolando Fazzari, oltre che dalla Casa della Legalità...

Leggi tutto

Stampa Email

Balestrino. Dopo il Comune omissivo, la Regione sfugge agli impegni

Davanti al perdurare delle gravi omissioni del Comune di Balestrino (Sv) - nella foto a lato la sindaco Ismarro con Marco Bertolotto ed Angelo Vaccarezza - ed all'evaporazione dell'impegno promesso dalla Regione Liguria, la LigurBlock di Rolando Fazzari continua a vivere la "chiusura forzata" per la mancata messa in sicurezza del Rio Pendie e l'omessa ricostruzione della strada vicinale di interesse pubblico Lavagin, unica via di accesso. Una situazione intollerabile e vergognosa per cui la Casa della Legalità, con l'Ufficio di Presidenza, ha affiancato Rolando Fazzari nella sua conferenza stampa di questa mattina davanti alla Presidenza della Regione Liguria.Leggendo il comunicato della Regione Liguria viene da domandarsi se i vertici dell'Ente presenti all'incontro con Rolando Fazzari lo scorso 5 giugno, non abbiano capito nulla o facciano, invece, finta di non capire...

Leggi tutto

Stampa Email

La ISMARRO dice "aiutare" ma si deve intendere "affossare" Rolando Fazzari

Gabriella Ismarro, Sindaco di Balestrino, ha una straordinaria capacità di prender per i fondelli i suoi interlocutori, i cittadini. Ed ora, dopo mesi di silenzio, torna beata e racconta una favoletta che possiamo smentire punto per punto, documentando, perché quando lei dice che “si sta facendo di tutto per aiutarlo”, con riferimento a Rolando Fazzari, si deve, in realtà, tradurre con “si sta facendo di tutto per affossarlo”.

Ci domandiamo: ma come può essere così bugiarda? Come può pensare di eludere le responsabilità (documentali) per i danni cagionati alla “LigulBlock” di Rolando Fazzari? Crede davvero di poter evitare di rispondere del proprio (cosciente e sistematico) operato (e dei danni prodotti) davanti alla comunità e nelle opportune sedi giudiziarie (compresa la Corte dei Conti)? La Ismarro, con quella faccia un po' così, di chi propria di chi mente sapendo di mentire, ci prova, ma i fatti concreti ed i documenti ufficiali la inchiodano, come anche la inchioda anche il fatto che la sua inerzia abbia fatto perdere al Comune di Balestrino, per l’intervento di somma urgenza, 36 mila euro dei 108 mila stanziati dalla Protezione Civile.

Ripercorriamo, in estrema sintesi i fatti...

Leggi tutto

Stampa Email

Un padre contro la 'ndrangheta: non lasciamo solo Rolando Fazzari

Alla cortese attenzione di: Giovanni Toti

Presidente,

Come Lei certamente sa, la Liguria è diventata la regione in cui la ‘ndrangheta sta avanzando con maggiore velocità e le inchieste sui sub-appalti del Terzo Valico hanno evidenziato il ruolo centrale, svolto anche in questa vicenda, dal clan Gullace-Raso-Albanese, uno dei più sanguinari. Bene in provincia di Savona, a Balestrino, c’è un imprenditore, Rolando Fazzari, che si è opposto sin da ragazzo alla logica delle cosche, prima ribellandosi al padre Francesco Fazzari, contiguo al clan Gullace, poi testimoniando sui vari omicidi. Rolando Fazzari ha pagato un prezzo durissimo per questa scelta. La sua azienda, che produce mattonelle per l’edilizia, sorge all’interno di una cava, oggi sotto sequestro giudiziario, gestita dal clan Gullace...

Leggi tutto

Stampa Email

"La strada delle convergenze indicibili"

estratto copertina LA STRADA DELLE CONVERGENZE INDICIBILIL'AZIENDA CHE HA RESISTITO ALLA 'NDRANGHETA, DENUNCIANDO, COSTRETTA ALLA CHIUSURA PER LE OMISSIONI DEL COMUNE

Balestrino, entroterra di quel ponente savonese terra di 'ndrangheta dagli anni Settanta, è lo scenario di un contesto inquietante dove Rolando Fazzari, titolare della “LigurBlock”, nell'ottobre 2012, per opere e omissioni altrui, ha visto morire suo figlio diciottenne ed ora si ritrova, da oltre 4 mesi, con la chiusura forzata della propria impresa perché il Comune non intende procedere alla ricostruzione della strada di accesso all'attività produttiva spazzata via dall'alluvione del 24 novembre 2016.

Il nucleo della 'ndrangheta colpito dall'operazione “ALCHEMIA” della DDA di Reggio Calabria, con i FAZZARI-GULLACE, perseguiva il sogno di annientare Rolando Fazzari. Un sogno che, passo dopo passo, si sta tramutando in realtà grazie ad un contesto di omissioni della Pubblica Amministrazione.

Nella pubblicazione “LA STRADA DELLE CONVERGENZE INDICIBILI”, a cura della Casa della Legalità – Onlus, è documentato un frammento della storia di Rolando Fazzari. Dopo un ritratto dello spessore criminale della cosca 'ndranghetista, si raccontano e documentano le responsabilità che stanno alla base della morte di Gabriele Fazzari, per passare alla surreale storia della strada Lavagin, unica via d'accesso all'impianto dell'impresa di Rolando Fazzari, la LigurBlock, scenario di intimidazioni, danneggiamenti, omissioni complici, sino alla chiusura forzata della sua impresa perché il COMUNE DI BALESTRINO si rifiuta di intervenire per ricostruire la strada...

 

Leggi tutto

Stampa Email

RaiNews24 | La storia di Rolando Fazzari

Sindaco Ismarro: "non devo rispondere ai cittadini" e sfugge

presto attivo il

Frammenti sulla Liguria

Frammenti su altre Regioni

Dossier & Speciali

I siti per le segnalazioni

Osservatorio Antimafia
www.osservatorioantimafia.org

Osservatorio Ambiente e Salute
www.osservatorioambientesalute.org

Osservatorio sulla
Pubblica Amministrazione
www.osservatoriopa.org

 

e presto online

sito in fase di allestimento