La Casa della Legalità - Onlus è un'associazione nazionale di volontariato, indipendente ed opera senza finanziamenti pubblici o sponsor

seguici e interagisci suFACEBOOK TWITTER  YOUTUBE

CASA DELLA LEGALITA' E DELLA CULTURA - Onlus
Osservatorio sulla criminalità e le mafie | Osservatorio sui reati ambientali | Osservatorio su trasparenza e correttezza della P.A.

Bordighera ennesima frontiera del negazionismo e del silenzio

Bordighera deve difendere la sua dignità, scacciando le collusioni, non negandoleI fatti ed i protagonisti dicono che l'amministrazione di quel Comune erano piegati alla 'ndrangheta, così come a Ventimiglia, Vallecrosia e molteplici altri comuni dell'estremo ponente ligure, ma anche di altre province, a partire dal savonese e del genovese.

Li abbiamo raccontati e documentati (vedi qui). Così come abbiamo raccontato chi fossero i PELLEGRINO-BARILARO (vedi qui). Lo scioglimento ed il Commissariamento del Comune di Bordighera (su cui pende ancora il ricorso contro l'annullamento da parte del Consiglio di Stato che è stata conseguenza da un lato delle reticenze dell'ex Prefetto DI MENNA, e dall'altro del ritardi della chiusura delle indagini della DDA di Genova – coordinata in allora dal proc. agg. SCOLASTICO) non è stato, come abbiamo ripetuto, un manto di infamia su Bordighera, ma il segno che l'Amministrazione di Bordighera, quel Palazzo del COMUNE, doveva e poteva essere ripulito, nel solo interesse della città, della comunità. Anche quindi occasione di riscatto dal condizionamento e dall'infiltrazione nella pubblica amministrazione della 'ndrangheta.

Ed invece, a Bordighera, qualcuno vuole ripetere la peggior tradizione. Quella del nagazionismo. Quella pratica che anziché vedere il marcio delle collusioni, dei rapporti indecenti e spregiudicati tra politici ed amministratori pubblici con i vermi mafiosi, ribalta la realtà e pone sul banco degli imputati chi non si è piegato alle intimidazioni mafiose, al clima omertoso e complice. Quella perversa logica per cui il "colpevole" è chi indica il problema e non invece il problema...

Leggi tutto

Stampa Email

Quei ritardi sulle indagini sul Ponente... pesano sul ricorso contro lo scioglimento del Comune di Bordighera

BOSIO con i PELLEGRINO portavoti...[AGGIORNATO IN CODA CON COMMENTO ALLA SENTENZA E PUBBLICAZIONE DELLA STESSA]
I gravi ritardi dell'azione del Prefetto Di Menna (ormai ex prefetto di Imperia) e della vecchia gestione della DDA nella chiusura delle indagini sull'estremo ponente Ligure, nonché il ritardo con cui (ed anche qui solo dopo il cambio al vertice della DDA) si è contestato il 416 bis ai PELLERGINO-BARILARO e l'aggravante mafiosa per i diversi reati imputati ai PELLEGRINO-BARILARO, sono stati pesanti... Si può dire: devastanti! Basti ricordare che nonostante gli sforzi del procuratore capo di Savona, dott. Cavallone, per ottenere la condanna per le minacce al corpo politico da parte dei PELLEGRINO-BARILARO, si è dovuto attendere la sentenza di Appello.
Oggi, così, il Consiglio di Stato ha accolto il ricorso del Giovanni BOSIO (ora, finalmente, indagato per "voto di scambio", così si fugano i dubbi sul “perché” gli si contestava di essere “piegato” ai desiderata delle famiglie 'ndranghetiste) contro lo scioglimento del COMUNE DI BORDIGHERA per condizionamento mafioso...

Leggi tutto

Stampa Email

BIASI, da Vallecrosia, tenta la fuga per coprire il "patto" con la 'ndrangheta

Armando BIASI il sindaco (del "patto" con i MARCIANO') del COMUNE di VALLECROSIAArmando BIASI, il sindaco di VALLECROSIA, amato e voluto dalla famiglia 'ndranghetista dei MARCIANO', pare voglia dimettersi questa mattina. Sarebbe l'ennesima vergognosa fuga, dopo quella tentata da Tano SCULLINO a Ventimiglia, per impedire l'arrivo della Commissione d'Accesso. La "via d'uscita" che il vecchio boss MARCIANO' auspicava e voleva anche per Bordighera e Ventimiglia, è la strada scelta da BIASI con le dimissioni.

BIASI scappa, fugge con la coda tra le gambe, perché sa benissimo che la Commissione d'Accesso avrebbe un solo esito: SCIOGLIMENTO PER CONDIZIONAMENTO MAFIOSO. Armando BIASI vuole impedire che quel COMUNE venga ripulito e con la scorciatoia delle dimissioni vuole salvare se stesso e gli altri tasselli della ragnatela di influenza della 'Ndrangheta in quel Comune. Così facendo, impedendo che l'inchiesta amministrativa (che noi, come Casa della Legalità, chiediamo dall'agosto 2010, riibadendola, in ultimo, anche con ulteriore richiesta ufficiale il 10 dicembre 2012) accerti i fatti, tiene aperta, inoltre, per se ed i suoi uomini nell'amministrazione comunale, la possibilità di ricandidarsi.

Il COMUNE DI VALLECROSIA deve essere liberato e bonificato, le dimissioni di BIASI vogliono impedirlo. E' l'ennesima vergogna, resa possibile, anche grazie a quei ritardi, gravissimi ritardi, che vi sono stati con la gestione dell'ex Prefetto Di Menna ed anche della vecchia passata gestione della DDA genovese.

Se questa mattina BIASI Armando si dimette non avremo altra via che indicarlo pubblicamente, con fermezza e determinazione, come colui che prima stringeva il "patto" con la 'ndrangheta ed ora vuole impedire l'accertamento dei fatti e la "rinascita" del COMUNE DI VALLECROSIA. Come abbiamo fatto con SCULLINO: non gli daremo tregua, lo indicheremo all'attenzione della comunità, lo inchioderemo alle sue (ir)responsabilità pubblicamente!
Se scappa dal COMUNE oltraggia non solo la decenza, ma, una volta di più, anche la comunità ed il COMUNE, quell'Istituzione che ha già piegato al desiderata dei MARCIANO'. Con le sue dimissioni il BIASI si dimostrandosi incapace di assumersi le responsabilità delle proprie azioni.

AGGIORNAMENTO...

Leggi tutto

Stampa Email

Camporosso. BERTAINA non fare l'ingenuo!

Lista BERTAINA[Risposta a pseudo replica di Marco BERTAINA]

1) Del contenuto eventuale di indagini giudiziarie in merito alla persona di BERTAINA non ci interessa, è una questione che esula da quanto abbiamo sollevato!

2) La questione è tutta prettamente “politica”, ed in questi termini non serve attendere alcun risvolto delle indagini. I fatti sono chiari. E questi fatti occorre valutare!

Quindi, ricapitolando...

I MARCIANO' sono noti soggetti legati alla 'ndrangheta ben conosciuti da decenni, non da ieri, in quei territori dell'estremo Ponente ligure. Già dall'indagine sull'ex Presidente della Regione Liguria, Alberto Taerdo, sono stranoti per controllare “pacchetti di voti”.

Se BERTAINA non ci ha mai fatto caso, sul chi fossero i MARCIANO', allora è un ingenuo e gli ingenui fanno danni quando gestiscono la cosa pubblica!

Ma BERTAINA non è un ingenuo e non è un novello di quei territori...

Leggi tutto

Stampa Email

A Camporosso, forse qualcuno non ha ben capito la situazione...

Tiziana Civardi, sindaco di Camporosso - foto Riviera24[AGGIORNAMENTO IN CODA CON RISPOSTA DEL SINDACO CIVARDI]
L'attuale sindaco Tiziana Civardi ha inviato un comunicato stampa in cui afferma:
"A seguito del violento incendio che ha colpito un’importante attività produttiva operante sul territorio comunale di Camporosso, Itagro s.r.l., della recente operazione della DDA di Genova denominata 'La Svolta', che apre scenari inquietanti riguardo anche il nostro territorio intemelio, ma anche delle informazioni non ufficiali che pervengono quotidianamente dagli organi di stampa, in qualità di Sindaco del Comune di Camporosso, nelle mie funzioni di Autorità Locale di Pubblica Sicurezza, ho chiesto al Prefetto di Imperia la convocazione del Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica.
Questo, al fine di analizzare i fenomeni verificatisi e di affermare l’unitarietà dell’azione preventiva di tutti gli organismi della Pubblica Amministrazione. E’ ferma intenzione di questa Amministrazione locale, infatti, di essere parte attiva di qualsiasi iniziativa ritenuta utile al fine di contrastare l’influenza della criminalità organizzata sul nostro territorio comunale. Ho chiesto al Prefetto di convocare il Comitato Provinciale nella Casa municipale di Camporosso, anche come testimonianza di una presenza organica delle Istituzioni che costituiscono la nostra Repubblica.”

La sindaco di Camporosso ha fatto bene nel chiedere alla Prefettura una riunione del Comitato per l'Ordine e la Sicurezza Pubblica della Provincia di Imperia, ma il problema 'NDRANGHETA non è questione di ordine pubblico o sicurezza (lo è marginalmente), è soprattutto questione POLITICA ed ECONOMICA...

Leggi tutto

Stampa Email

Estremo ponente ligure è arrivata LA SVOLTA...

Estremo ponente ligure è arrivata LA SVOLTA...[AGGIORNAMENTO IN CODA CON ESTRATTI DALL'ORDINANZA - 1°, 2° e 3° parte e nei prossimi giorni l'ultima parte]
Finalmente è scattata l'Operazione sul “locale” della 'ndrangheta di Ventimiglia e contro quel verminaio che lo ha protetto e assecondato. Agli arresti 15 'ndranghetisti, a partire dal capo storico del “locale”, Giuseppe MARCIANO' ed il figlio Vincenzo MARCIANO'. 13 gli indagati a piede libero, tra cui, per concorso esterno, l'ex sindaco di Ventimiglia Gaetano SCULLINO, l'ex City Manager di Ventimiglia (e già amministratore del Comune di Vallecrosia) Marco PRESILEO, l'ex sindaco di Bordighera Giovanni BOSIO.
Le cose si sapevano tutte. I fatti che avevano condotto allo scioglimento delle Amministrazioni dei COMUNI di BORDIGHERA e VENTIMIGLIA erano lì, pesanti come macigni... e di questo ne avevamo già parlato (ad esempio vedi qui e qui). Si è dovuto aspettare tanto, ma alla fine l'operazione è scattata!
In giornata altri dettagli... oggi è una bella giornata...

Leggi tutto

Stampa Email

Sette fermi per gli attentati incendiari di Ponente. Sempre i Pellegrino

L'operazione dei carabinieri - foto Riviera24[CON AGGIORNAMENTI E TESTO DEL DECRETO DI FERMO]
L'Arma dei Carabinieri ed il procuratore di Sanremo Roberto Cavallone hanno indagato e sono arrivati alla svolta nell'inchiesta sugli attentati incendiari ai danni di imprese e di un bar dell'estremo ponente ligure, avvenuti tra la fine del 2011 e l'inizio del 2012. Agli arresti sono finiti tre fratelli PELLEGRINO, Michele, Giovanni e Roberto che stava tentando di fuggire in Francia, oltre a Simone CALVINI, Daniele VALSECCHI, Giuliano MANZO e Lara GAMBACORTA (moglie del CALVINI, in stato di fermo per spaccio di stupefacenti).

Gli attentati avevano colpito il 14 dicembre 2011, a Bordighera, un escavatore della FRATELLI NEGRO, ma l'obiettivo era la ditta TESORINI, che operava in quel cantiere con un mezzo uguale a quello dell'altra impresa. Attentato “sbagliato” si ripete. Così il 3 gennaio 2012 a Sanremo, località Solaro, vengono incendiati due escavatori della ditta TESORINI. Poi, il 23 gennaio 2012, di nuovo a Bordighera, in località Borghetto, altri due escavatori sono dati alle fiamme...

Leggi tutto

Stampa Email

Ma che succede nella “triade” di Ventimiglia?

 Antonio Lucio GarufiAncora una volta sembra che il “nocciolo” sia l'Ufficio Commercio. Sì, quell'ufficietto dove lavorava, sino allo scioglimento per condizionamento e infiltrazione mafiosa dell'Amministrazione Scullino-Prestileo, il Giuseppe Barilaro, figlio del boss apicale del “locale” della 'ndrangheta di Ventimiglia, Fortunato Barilaro.

Ma andiamo con ordine.

Nel regno dei MARCIANO' – a proposito ci da una mossa ad andare a prenderli uno ad uno e metterli al fresco, insieme ai collusi e complici (che ritroviamo anche dentro i settori di controllo)? - sembra proprio che certe “posizioni” non possano essere messe in discussione...

Prima il Comune di Ventimiglia doveva procedere ad una riorganizzazione degli Uffici e delle Direzioni. Ma il Giuseppe Barilaro avrebbe visto ridimensionare la sua funzione se le Direzioni Commercio e quella della Polizia Municipale fossero state unificate... così, dopo una visitina agli Uffici dell'Ente (al sindaco Giorgio Valfrè, di Forza Italia) da parte Fortunato Barilaro, il progetto di riorganizzazione degli Uffici subì uno stop e l'Ufficio Commercio non vide la propria Direzione unificata con quella della Polizia Municipale. Tutto rimase intatto così che nessuno si potesse offendere... E poi si sa, quando vai a chiedere i voti alle “famiglie” poi non puoi mica non assecondare i loro desiderata... E Scullino-Prestileo in tal situazione si ritrovavano, come sancito dagli Atti con cui è stata sciolta la loro Amministrazione [vedi qui - e qui]

Poi arrivano i Commissari...

Leggi tutto

Stampa Email

Ci scrive BERTAINA che, nella lunga lettera, non smentisce nulla di quanto da noi scritto... anzi...

Marco BERTAINA
Sig. Marco BERTAINA,
Lei scrive a me, in quanto Presidente della Casa della Legalità, ma dovrebbe scrivere all'Ufficio di Presidenza, in quanto gli articoli che abbiamo pubblicato e che la riguardano sono tutti scritti - e per questo firmati - dall'Ufficio di Presidenza. Comunque sia, visto che Lei mi scrive, non ho problemi a risponderle e dimostrare che quanto da Lei scritto non smentisce (ed anzi conferma) quanto da noi scritto! Andiamo con ordine...

Leggi tutto

Stampa Email

Bordighera, Bosio la pianti di raccontar bufale...

Bosio e l'appoggio elettorale dei Pellegrino

Giovanni Bosio, ex sindaco del Comune di Bordighera, la pianti di sparare amenità. Le motivazioni dello scioglimento e commissariamento per condizionamento mafioso del Comune di Bordighera durante le sue amministrazioni, sono solide, fondate e non hanno avuto manco mezza smentita dalla sentenza sul clan Pellegrino emessa dal Tribunale di Sanremo.

Leggi tutto

Stampa Email

E torniamo sul ponente, Ventimiglia, Vallecrosia... ed alle bufale di Burlando

MOIO (a sinistra) candidato con l'uomo di BURLANDO, Marco BETAINA

PUBBLICHIAMO INTEGRALMENTE ONLINE
IL TESTO DELLA RELAZIONE
DEL MINISTRO
DELL'INTERNO E DEL DECRETO DEL
PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA
CHE HA PORTATO
ALLO SCIOGLIMENTO DEL COMUNE DI VENTIMIGLIA

oltre a qualche dettaglio in più sul rapporto MAFIA-POLITICA...
ed una nuova lente puntata su VALLECROSIA

ED IL CONSIGLIERE REGIONALE PD MANTI
CONFERMA: BURLANDO SAPEVA!!!


Prima di tornare sull'estremo ponente ligure dobbiamo doverosamente sbugiardare Claudio Burlando, il presidentissimo della Regione per lungo lungo tempo in stretto rapporto con i MAMONE, come abbiamo già evidenziato anche recentemente (vedi qui). Il "gerundio" ha dichiarato in riferimento al ponente ligure: "Qui avrebbe trovato alcuni agganci dentro le istituzioni". Certo che ci vuole coraggio ad indicare il "peccato" di altri, quando si è commesso lo stesso identico "peccato", ovvero il rapporto con i mafiosi! Ma a Burlando c'è poco da fare, piace burlarsi dei cittadini e della decenza, ormai lo sappiamo... Senza entrare nemmeno sul periodo ipotetico che usa, quando invece quegli "agganci" sono una certezza ormai svelata, e senza addentrarci oltre alle dichiarazioni di Burlando, lo sbugiardiamo proprio sulla questione "ponente", o meglio sulla questione di uno degli 'ndranghetisti individuati dalle indagini, facente capo al "locale" di Ventimiglia: Vincenzo MOIO.

Quando Vincenzo MOIO si muoveva dall'estremo ponente sino a Genova per candidare sua figlia alle elezioni regionali del 2010, qualcuno, tra i dirigenti del Pd di Imperia, allertò Claudio Burlando, gli dissero chi era quella ragazza che si sarebbe candidata nella lista dei Pensionati, nella colazione di centrosinistra che appoggiava Burlando. Gli dissero chi era Vincenzo MOIO. Burlando quindi sapeva e cosa decide di fare? Di accettare l'appoggio della lista dei Pensionati con la MOIO candidata! MOIO si mise in movimento con gli uomini della 'ndrangheta, e questo è tutto agli Atti dell'indagine "Maglio" come abbiamo già ampiamente scritto (vedi qui). La questione quindi è questa: Burlando che dopo l'emergere di chi fosse MOIO disse che lui non sapeva nemmeno che la figlia fosse candidata a Genova nella sua coalizione, ha mentito! Sapeva e gli andava bene che lì, in una lista collegata a lui, ci fosse quella candidatura!

CASTELLANA con MARCIANO' GiuseppeNon dimentichiamo nemmeno che Burlando ebbe tra i supporter della sua lista "NOI CON BURLANDO" sempre alle regionali anche quel Marco BERTAINA che, nella sua lista per per provinciali, schierava niente meno che: Vincenzo MOIO!!! Quel Marco BERTAINA che nelle sue campagne elettorali a Camporosso incassava il sostegno degli "avversari" dei Comuni limitrofi, dai MOIO di Ventimiglia a BIASI di Vallecrosia e compagnia cantando... E voglia andare a Marco BERTAINA al ponti elettorale di BURLANDO per sostenerlovedere un altro candidato della lista "MARCO BERTAINA" per la Provincia di Imperia, con il MOIO? Troviamo l'Ettore CASTELLANA, l'uomo del Giuseppe MARCIANO' di cui abbiamo ampiamente parlato (clicca qui) condannato per l'attentato all'imprenditore più omertoso della Liguria (che manco la Confindustria ha osato cacciare, attendendo le sue auto-dimissioni), Pier Giorgio PARODI.

Ma andiamo avanti, perché partendo dall'estremo ponente ligure si può capire di più di questa martoriata Liguria colonizzata dalla 'ndrangheta...

Leggi tutto

Stampa Email

VENTIMIGLIA, Comune sciolto per condizionamenti mafiosi (ed a Bordighera respinto il ricorso)

Saluti da Ventimiglia [immagine di SavonaNews.it]


Ce l'abbiamo fatta!!! Era l'agosto del 2010 quando inviammo al Prefetto di Imperia una comunicazione urgente per chiedere l'invio della Commissione di Accesso al Comune di Ventimiglia, per procedere allo scioglimento e commissariamento per condizionamento mafioso [leggi qui] e ci tornarono indietro due querele: quella della Giunta del Comune di Ventimiglia [leggi qui la delibera] e quella di Vincenzo MOIO, che agli atti risulta un affiliato alla 'ndrangheta [leggi qui].
Siamo andati a dirlo ad alta voce a Ventimiglia Alta, facendo nomi e cognomi, come nostra tradizione, anche se gli 'ndranghetisti erano ancora belli liberi e pimpanti. Era il settembre 2010... [vedi qui un breve estratto video]
A seguito di quel nostro dossier la Prefettura avviò l'iter previsto dalla normativa. I Carabinieri ed altri reparti confermarono i nostri rilievi e incrociavano i dati con quanto emergeva dalle attività di indagine sulla 'ndrangheta nel ponente ligure. La Prefettura, con il prefetto Di Menna, rallentava. Denunciammo pubblicamente questi gravi ritardi [leggi qui] e rilanciammo con una dettagliata "mappatura" di mafia e politica nell'estremo ponente ligure [leggi qui].
Ma i ritardi hanno permesso al sindaco Gaetano Scullino di tentare la carta delle dimissioni per sbarrare la strada alla Commissione di Accesso. Attaccammo con forza quella fuga di Scullino, dal blog di Beppe Grillo [vedi qui] e con una conferenza stampa davanti al Comune di Ventimiglia [vedi qui]. Era il giugno 2011.
Scrivemmo al Ministro dell'Interno per chiedere di applicare la normativa con fermezza e procedere allo scioglimento anche davanti alle dimissioni del Sindaco, sulla base delle Relazioni dei reparti investigativi [leggi qui] e Scullino ritirò le dimissioni.
Arrivò la Commissione di Accesso e per quanto possibile abbiamo cercato di fornire alcuni elementi utili nel lavoro di ricostruzione dei fatti e delle responsabilità che la Commissione ha promosso in 4 mesi di lavoro, con la collaborazione dei reparti investigativi.
Abbiamo ricostruito buona parte delle questioni che dimostravano il condizionamento e l'infiltrazione nel Comune di Ventimiglia, attraverso dati e atti ufficiali [vedi qui].
Abbiamo avuto fiducia e pazienza. Ora possiamo tirare un sospiro di sollievo perché lo Stato ha dimostrato di esserci: il 3 febbraio 2012 il Consiglio dei Ministri, su proposta del Ministro dell'Interno, ha sciolto il Comune di Ventimiglia per mafia!

In molti ci avevano derisi, dato dei pazzi... altri hanno tentato di diffamarci e delegittimarci in tutti i modi. Noi siamo rimasti pazienti, abbiamo continuato a lavorare e fornire tutto il supporto possibile per far emergere i condizionamenti e l'infiltrazione mafiosa a Ventimiglia (così come in altri Comuni) ed oggi possiamo dire di essere soddisfatti! E speriamo che si comprenda bene che l'infamia per Ventimiglia non è lo scioglimento, che rappresenta la "liberazione" e la possibilità concreta di mettere alla porta la 'ndrangheta. Infamante per la città di confine era un Ente piegato agli interessi delle cosche... era il negazionismo che non faceva altro che rafforzare le cosche e l'omertà che le ha protette.
Ora bisogna andare avanti... e colpire definitivamente, schiacciandoli come vermi, i mafiosi ed i loro sodali. Lo può fare prima di tutto la comunità che può togliergli il saluto ed il consenso sociale, e lo deve fare anche la magistratura, colpendo non solo gli uomini delle cosche, ma anche i politici, gli imprenditori ed i professionisti collusi e complici, ed anche qui servitori infedeli che si sono venduti alle cosche!
Noi abbiamo già scritto tutto, in tanti che oggi ne parlano, non lo avevano forse mai notato e così gli nasce lo stupore davanti allo scioglimento. Sembra che in troppi siano caduti dal pero... anche quelli che oggi cercano di attribuirsi i meriti di aver sollevato la questione "Ventimiglia"... parlano dimostrando di non conoscere i fatti o cercando di strumentalizzare l'accaduto. Ci siamo abituati... è il vivere in una regione "colonizzata" dalla 'ndrangheta, dove esponenti politici (di entrambi gli schieramenti) ed imprese hanno aperto le porte e scelto di collaborare con gli uomini delle cosche... Dove i Comuni condizionati e infiltrati sono ben più dei due comuni di Ventimiglia e Bordighera (che nel frattempo ha visto confermato lo scioglimento più che fondato e motivato - come avevamo ampiamente documentato - con il pronunciamento contrario del TAR del Lazio sul ricorso presentato dall'ex sindaco decaduto Bosio - vedi qui la sentenza).

Ci fermiamo qui, non stiamo a ripetere il tutto su Cooperativa Marvon, appalti, licenze e Ufficio Commercio, Porto e concessioni varie... tutte cose che abbiamo già scritto e che non ha senso ripetere... Andiamo avanti, ci sono altri Comuni che devono essere ripuliti!
Sulla questione VENTIMIGLIA (e non solo), diamo appuntamento per una conferenza stampa pubblica dell'Ufficio di Presidenza, davanti al Comune di Ventimiglia, in Piazza della LIBERTA', domenica 5 febbraio 2012, alle ore 11 [vai all'evento su facebook]

Stampa Email

Opla', scatta il sequestro della COFFEE TIME del boss INGRASCIOTTA

La DIA di Genova procede al sequestro della COFFEE TIME
CON IL COMUNICATO INTEGRALE DELLA DIA (in formato .pdf)
ED UNA RISPOSTA ALLE DICHIARAZIONI DELL'INGRASCIOTTA

Ma come, questa ditta tanto "apprezzata" nel ponente ligure, che dopo l'interdizione antimafia della Prefettura (tre misure in totale!), aveva vinto un bel appaltino dal Comune di Ventimiglia (vedi qui), è finita come doveva finire, ovvero sotto sequestro? Si, grazie al lavoro della Guardia di Finanza e della DIA di Genova...

Leggi tutto

Stampa Email

Ora si proceda sul COMUNE DI VENTIMIGLIA. "Regno" del "locale" guidato da MARCIANO' e PALAMARA

IL COMUNE DI VENTIMIGLIA VA SCIOLTO... e Scullino e Pretileo devono spiegare un po di cose...
Noi lo scrivemmo nell'agosto 2010, poi arrivarono le conferme con gli approfondimenti dell'Arma dei Carabinieri, della DIA e degli altri reparti investigativi... in ultima è arrivata la Relazione della Commissione di Accesso (al vaglio del Prefetto e quindi del Ministro dell'Interno). Non ci sono più alibi e non c'è nemmeno più tempo da perdere.
Il COMUNE DI VENTIMIGLIA è infiltrato e condizionato dalla 'ndrangheta. Questo dato emerge chiaramente ed è complessivo, nel senso che non riguarda un particolare settore o alcune singole pratiche, ma è un condizionamento generale con infiltrazioni pesanti, passate e presenti.
Bisogna che il COMUNE DI VENTIMIGLIA "rinasca", come per Bordighera. Scioglimento e commissariamento sono necessari per rompere l'infamia che ha piegato la gestione della cosa pubblica agli interessi della 'ndrangheta (e cumpari). E' un passo necessario per ridare dignità ad una comunità e correttezza e trasparenza alla gestione della Pubblica Amministrazione.
il boss Giuseppe Quando si arriva, come si è arrivati al COMUNE DI VENTIMIGLIA, attraverso la CIVITAS ad una gestione che è un "verminaio", piegata da appalti ed incarichi frazionati, che finivano a società legate ed espressione delle cosche, come, ad esempio, la COOPERATIVA MARVON, bisogna ripulire profondamente il Palazzo, nella parte elettiva così come nella parte amministrativa dei funzionari. Chi ha responsabilità gravi in questo sistema deve essere messo alla porta, chi non ne ha - e ne ha pure subite di tutti i colori - resta.
Basta ai colpi di teatro del Sindaco Gaetano SCULLINO. Basta alle plateali prese in giro con cui ha caratterizzato molteplici delle sue ultime uscite pubbliche, nell'ennesimo tentativo di minimizzare e negare fatti conclamati. C'è una responsabilità politica a cui nessuno, nemmeno lui, può sottrarsi. Non è tollerabile sentire discorsi come: noi abbiamo dato tutti i documenti richiesti alla Commissione, quindi siamo bravi. E che diamine, non è una scelta "volontaria" ma un "obbligo" quello di fornire i documenti alla Commissione d'Accesso! Oppure: adesso voglio una copia della Relazione della Commissione d'Accesso. E no! La Relazione è un atto riservato che, una volta assunta la decisioni conseguenti da Prefetto e Ministro, potrà essere resa pubblica (e lo auspichiamo), ma fino ad allora nessuno, tanto meno gli "interessati", devono poter leggerne i contenuti!
Auspichiamo che il neo Prefetto di Imperia ed il Ministro dell'Interno si muovano celermente. Già abbiamo assistito al tentativo di impedire l'insediamento della Commissione di Accesso da parte del sindaco SCULLINO che, con le sue dimissioni, puntava all'auto-scioglimento del Consiglio Comunale e della sua Amministrazione. Si è sventato quel tentativo fatto, dichiarava SCULLINO, per "atto d'amore" verso la sua città, che era invece un insulto alla decenza ed alla dignità della città, un modo rocambolesco per impedire l'accertamento, approfondito, dei fatti dal punto di vista amministrativo, dall'oggi a ritroso nel tempo... perché non è certamente da oggi, da questa ultima amministrazione, che il Comune di Ventimiglia subisce il condizionamento e l'infiltrazione mafiosa.
Non c'è più tempo. Bisogna fare in fretta. Lo merita la città, l'economia di quel territorio ed il territorio stesso, la comunità onesta che ha rigettato di piegarsi ai "capi bastone" ed il personale non compromesso e spesso martoriato dello stesso Comune di Ventimiglia. La comunità dell'espremo ponente ligure deve avere un chiaro segnale che la 'ndrangheta viene schiacciata, così come si schiacciano i vermi... deve vedere che tutte le figure compromesse, dai politici ai funzionari, dagli imprenditori ai professionisti ed ai servitori infedeli dello Stato, possono essere colpiti e annientati!

Noi, qui, oltre a quanto già scritto nel passato, e che, ovviamente non ripetiamo, riportiamo alcuni elementi, sempre da Atti Ufficiali che non sono, ovviamente, la Relazione della Commissione d'Accesso, ma che permettono di capire, se ve ne fosse ancora bisogno, il contesto e quindi la pesante compromissione del COMUNE DI VENTIMIGLIA, per arrivare al "ritratto" dei MARCIANO', famiglia storica della 'ndrangheta nell'estremo ponente ligure, per arrivare agli ai condizionamenti delle imprese, a partire da quelle del Gruppo PARODI... e lo facciamo con gli Atti dell'indagine MAGLIO. Buona lettura...

Leggi tutto

Stampa Email

Il CLAN PELLEGRINO ed il COMUNE DI BORDIGHERA, tutta la storia

alcuni degli esponenti del clan PELLEGRINO-BARILAROIl procuratore di Sanremo, Roberto Cavallone, ha tutte le ragioni ad affermare che di strada ve ne è ancora molta da fare in Liguria per poter efficacemente contrastare le organizzazioni mafiose. Ha ragione perché non è possibile che i giudici non siano in grado di capire quando si è davanti ad intimidazioni mafiose e non quindi in presenza di visite di "cortesia"
L'intimidazione mafiosa non sempre è cruenta, a volte è sottile, molto sottile e quasi impercettibile. Diventa chiara se si guarda a "chi" la promuove, ovvero soggetti forti della capacità di concretizzare la minaccia, anche perché gruppo armato e parte integrante ed inscindibile dall'organizzazione mafiosa.
I Giudici del Tribunale di Sanremo hanno guardato alle "visite" dei PELLEGRINO-BARILARO portate ai due assessori di Bordighera, per richiamarli "all'ordine", ovvero ad accontentare i loro desiderato, come a visite di due semplici individui che chiedevano conto "politicamente" del dissenso espresso davanti alla richiesta di apertura della Sala Giochi da parte della consorte del Maurizio PELLEGRINO, figlia del Benito PEPE'.
I Giudici non hanno tenuto conto di chi fossero i due "emissari", ovvero soggetti della 'ndrangheta, come risulta inequivocabilmente da risultanze certe. Ed i Giudici a Sanremo non hanno nemmeno, quindi, valutato che i testimoni, ovvero i due assessori minacciati, in aula non avevano confermato le accuse, per l'evidente e palpabile clima intimidatorio e la conseguente paura che i PELLEGRINO-BARILARO, in quanto cosca della 'ndrangheta, sono in grado di produrre anche quando parte del clan si trova in carcere. Una paura evidente già quando tentennavano nel parlarne informalmente e poi verbalizzando con Carabinieri e Procura.
I Giudici, come già altri giudici (ed altri pm) in Liguria, sono rimasti ciechi, come recentemente aveva ricordato - dopo anni che noi lo ripetiamo - anche il pm Anna Canepa della Direzione Nazionale Antimafia.

Detto questo chi ha scritto e prodotto la cosiddetta informazione sulla conclusione del processo ai PELLEGRINO-BARILARO ha scritto, in parte, l'ennesima "balla" clamorosa che altro non produce che, di fatto, un regalo straordinario ai PELLEGRINO-BARILARO, ovvero alla 'ndrangheta.
I capi di imputazione erano estorsione, minacce, minacce a corpo politico, favoreggiamento della prostituzione. Sono stati condannati per tutti i reati contestati tranne che per le "minacce a corpo politico"
. Non poteva che essere così, quando i giudici non tengono conto dell'intimidazione che ha condotto i testimoni (i due assessori) a negare le minacce ricevute e, soprattutto, quando non considerando che soggetti appartenenti a famiglie di 'ndrangheta non compiono "visite di cortesia" per chiedere conto di uno "sgarbo" (come è, per loro, l'esprimersi contro ai loro interessi), bensì compiono un'azione di richiamo volta ad intimidire il pubblico amministratore, forti dell'essere organizzazione mafiosa armata protetta da vincolo omertoso, per ottenere da questi i favori non richiesti, ma "pretesi" (la concessione per l'apertura della sala giochi).
Detto questo, si è letto e sentito, nei servizi delle testate giornalistiche regionali, che i PELLEGRINO-BARILARO erano stati assolti dall'accusa di associazione mafiosa, e che quindi, in altre parole non era mafiosi, come sosteneva l'accusa. Ma quando mai??? Quel capo di imputazione non vi era nemmeno
(e manco poteva esserci perché una Procura come quella di Sanremo non poteva nemmeno contestarlo, essendo competenza della DDA di Genova tale contestazione). Ed allora perché si è raccontata una "bufala" tanto abnorme quanto "utile" al ridare un immagine "ri-pulita" agli uomini del clan PELLEGRINO-BARILARO? Non è dato saperlo, ma drammaticamente così è stato...

Leggi tutto

Stampa Email

Vincenzo MOIO l'affiliato che passa fulmineo da destra a sinistra...

Vincenzo MOIO, l'affiliato

Un 'ndranghetista è già di per sé un senza onore e senza dignità, ma ce ne sono alcuni che superano ogni limite, persino dell'indecenza. MOIO è uno di questi. Lo stesso ci ha infatti querelato perché lo abbiamo definito "affiliato alla 'ndrangheta" ed un pm della Procura di Genova nella chiusura indagini gli da pure ragione. Peccato che lui, MOIO, sia un affiliato alla 'ndrangheta! Lo risultava giù dagli atti dell'Operazione IL CRIMINE, ed ora con quelli dell'operazione MAGLIO 3 è formalmente indagato per 416 bis! Ebbene noi non solo ribadiamo che MOIO è un affiliato alla 'ndrangheta ma, a questo punto, pubblichiamo ampi estratti degli Atti che lo riguardano, così, tanto perché capisca, che la bocca non la chiudiamo ed anzi continueremo a puntare i riflettori addosso a lui ed agli altri parassiti 'ndranghetusi.
Quanto andiamo a pubblicare renderà evidente non solo il pieno inserimento del MOIO nell'organizzazione 'ndranghetista, ma anche che dietro al MOIO vi è stata la "spaccatura" della 'ndrangheta in Liguria, non per questioni di attività prettamente "criminali" ma relativa a questioni elettorali e politiche. Speriamo che questo ampio spaccato faccia comprendere che la 'ndrangheta è soprattutto questo: condizionamento delle elezioni, della politica e delle Pubbliche Amministrazioni. A breve pubblicheremo ampi profili degli altri 'ndranghetisti al centro delle diverse indagini sfociate nell'Operazione MAGLIO 3. I vermi mafiosi devono vedersi l'indice puntato e sentire, come abbiamo più volte detto, il disprezzo sociale addosso, costantemente, perché solo così, ben oltre ad arresti, sequestri e confische, si può schiacciarli definitivamente. Buon lettura...

Leggi tutto

Stampa Email

Finalmente a VENTIMIGLIA via libera alla Commissione di Accesso... e nel "locale"...

MOIO a sinistra, SCULLINO al centro, PRESTILEO a destra
L'avevamo chiesta il 13 agosto 2010 e da allora abbiamo incalzato la Prefettura. Ora il Ministro dell'Interno ha firmato e nei prossimi giorni al Comune di Ventimiglia si insedierà la Commissione di Accesso che potrà così concludere le verifiche, con la propria inchiesta su ogni pratica e settore dell'Ente, che hanno già visto impegnati i diversi reparti investigativi, a partire dall'Arma dei Carabinieri che, con una propria relazione, già nel settembre scorso indicava chiaramente l'infiltrazione ed il condizionamento della 'ndrangheta nel Comune guidato da Gaetano Scullino.

Scullino, quando i Carabinieri confermarono con il loro rapporto che non avevamo affatto torto nel chiedere la Commissione di Accesso ed i conseguenti provvedimenti, decise di querelarci. Scullino che poi, quando il pm Anna Canepa in Commissione Antimafia anticipò (ma era proprio necessario?) che stava per arrivare la Commissione di Accesso a Ventimiglia, decise di dimettersi per evitare "l'onta" e così cercare disperatamente di bloccare l'insediamento della Commissione di Accesso (lo dichiarò chiaramente di voler impedire che si ripetesse la sorte di Bordighera). Scullino che quando ha capito che il Ministero dell'Interno poteva procedere ugualmente anche di fronte alle sue dimissioni, ha deciso di ritirare le dimissioni, spingendosi addirittura ad affermare che la Commissione di Accesso era proprio lui che la voleva.
Lasciamo a ciascuno la lettura del comportamento dello Scullino, a noi interessa che la Commissione di Accesso arrivi, apra tutti i cassetti, ogni porta ed armadio di Comune e Civitas per compiere quella verifica su larga scala che permetta di capire chi e come ha permesso da un lato l'infiltrazione e dall'altro il condizionamento della 'Ndrangheta sul Comune di frontiera. Questo è quello che conta, non i "balletti" di Scullino e compagnia.

Tra l'altro Scullino se fosse persona seria inizierebbe a parlarci della questione BARILARO, così come della gestione da parte di Prestileo della CIVITAS, con quegli appalti frazionati - e quindi sotto soglia - che finivano ad una ristretta cerchia di soggetti con, su tutti, la cooperativa MARVON, su cui pesa l'ombra di soggetti ben noti... A proposito... da oggi inizieremo a pubblicare ampi ritratti dei signori MARCIANO', che con Giuseppe a capo del "locale" di Ventimiglia della 'Ndrangheta ed il figliolo Vincenzo, molto hanno potuto contare in certi ambiti. Lo faremo per loro come per gli altri vermi 'ndranghetisti, dai BARILARO per arrivare al Vincenzo MOIO, affiliato alla 'ndrangheta, che ha pure la faccia tosta di querelarci per averlo indicato per quel che è: un affiliato! Questi signori sono dei nessuno e come abbiamo già detto: possono essere schiacciati ed annientati... Noi andiamo avanti e li continueremo ad indicare pubblicamente per quel che sono!

PS
Ed attenzione, non è mica finita a Ventimiglia... e non si pensi che tali rapporti con le cosche siano solo nell'ambito del centrodestra... coinvolgono anche esponenti del centrosinistra, in questa terra come in altre parti della Liguria. Vi è la partita di Vallecrosia, così come Castellaro e Camporosso, per quanto riguarda l'imperiese, dove il peso degli uomini del "locale" della 'Ndrangheta hanno pesato (e pesano) anche nella gestione delle Pubbliche Amministrazioni. E tanto per chiarire ecco il MOIO versione "centrosinistra" alle elezioni provinciali di Imperia nella lista "Marco BERTAINA presidente", attuale vicesindaco (e già sindaco) di Camporosso... e BERTAINA, così come SCULLINO o BIASI, non poteva non sapere chi fosse il MOIO e la sua squallida compagnia 'ndranghetusa!
MOIO candidato con il centrosinistra nella lista di BERTAINA

Stampa Email

A Ventimiglia crollano le torri di comando... Ad Andora sembrano rotti gli equilibri

Nel ponente ligure, tra imperiese e savonese, si può chiudere la partita...A Ventimiglia dopo l'offensiva sulla "fuga" intrapresa da Gaetano Scullino, per cercare di impedire l'insediamento della Commissione di Accesso, si stanno aprendo sempre più crepe nel muro di omertà che regnava sovrano. L'azione civile, l'attività investigativa ed anche gli arresti dei vermi 'ndranghetisti, hanno rappresentato un terremoto ed ora le torri di comando della città di confine stanno crollando...

Quando abbiamo avuto segnalazione delle minacce ricevute dal Segretario Generale del Comune di Ventimiglia, Achille Maccapani, da parte del duo Pestileo-Scullino, abbiamo immediatamente avvisato chi di dovere. Così i reparti preposti sono intervenuti ed hanno accertato i fatti. Altri segnali giungono di rottura del vincolo omertoso che regnava sovrano sul Comune di Ventimiglia che, come dicevamo noi e come confermato dai Reparti investigativi, era non solo condizionato dalla 'ndrangheta, ma anche da questa infiltrato...

Leggi tutto

Stampa Email

Duro colpo ai "locali" 'ndranghetisti in Liguria... Un passo avanti.

Con l'Operazione MAGLIO 3 il ROS colpisce i

RINGRAZIAMO IL ROS PER IL LAVORO PORTATO AVANTI, COORDINANDOSI
CON CALABRIA, LOMBARDIA E PIEMONTE.
COME HA DETTO IL MAG. STORONI: QUESTO E' SOLO L'INIZIO!


Questa mattina il ROS è riuscito a portare a termine parte dell'ampia inchiesta che da anni porta avanti sui "locali" della 'Ndrangheta in Liguria. Dopo gli arresti dell'Operazione "MAGLIO" della DDA di Torino (di cui avevamo già pubblicato l'ordinanza - clicca qui) l'autorità giudiziaria del capoluogo non poteva restare ferma. Lì infatti, in quelle pagine che hanno colpito la rete del sud Piemonte, facente capo al "locale" guidato da Bruno Francesco PRONESTI' - cugino del boss Carmelo GULLACE -, vi erano i loro nomi e cognomi, vi erano le intercettazioni, come quelle delle riunioni, ad esempio a Bordighera.

E così all'alba sono stati arrestati:
- BARILARO Fortunato, nato ad Anoia (RC) il 25.9.1944, residente a Ventimiglia (IM);
- BARILARO Francesco, nato ad Anoia ((RC) il 15.01.1947, residente a Bordighera (IM), detto "Ciccio";
- BATTISTA Raffaele, nato a Taurianova (RC) il 27.10.1976) residente a Genova, detto "Raffaelino";
- BRUZZANITI Rocco, nato ad Antonimina (RC) il 9.8.1959, residente in Sant'Olcese (GE), detto "compare Rocco";
- CIRICOSTA Michele, nato ad Anoia (RC) il 29.7.1936, residente a Bordighera (IM), detto "compare Michele";
- CONDIDORIO Arcangelo, nato a Reggio Calabria l'1.8.1942, residente in Genova, alias "Calipso" e/o "Calì";
- GARCEA Onofrio , nato a Pizzo Calabro (VV) il il 18.12.1950, residente a Genova, alias "Mezzalingua"; (già detenuto)
- MULTARI Antonino, nato a Locri (RC) il 9.12.1956, residente a Serra Riccò (GE), detto "compare Nino";
- NUCERA Lorenzo, in Sambatello di Reggio Calabria il 17.6.1960, residente in Genova, detto "Cecè" o "Zi' Lore";
- NUCERA Paolo, nato a Condofuri (RC) il 21.03.1944, residente in Lavagna;
- PEPE' BENITO, nato a Galatro (RC) il 05.08.1936, residente a Bordighera (IM);
- ROMEO Antonio, detto "compare Totò", nato a Roghudi (RC) il 22.7.1939, domiciliato in Sarzana (SP)

Gli altri indagati per 416 bis sono:
-
CALABRESE Domenico, nato a Reggio Calabria il 25.11.1968, residente a Genova, alias "Micunnella" e/o "Nanna";
- FIUMANO' Antonino, nato a Reggio Calabria il 07/04/1978, residente a Genova, detto "Nino";
-
GORIZIA Cosimo, nato a Mammola (RC) il 23.9.1973, residente in Sant'Olcese (GE), detto "Cosimino";
- LUMBACA Rocco, nato a Oppido Mamertina (RC) il 26.2.1954, domiciliato in Genova, detto "compare Rocco";
- MARCIANO' Giuseppe, nato a Delianuova (RC) il 6.8.1933, residente a Vallecrosia (IM), detto "compare Peppino";
- MARCIANO' Vincenzo, nato a San Remo (IM) il 31.12.1977, residente a Vallecrosia (IM);
- MOIO Vincenzo, nato a Taurianova (RC) il 1° gennaio 1959, residente a Camporosso (IM), detto "Enzo";
- VIOLI Domenico, nato a Santa Cristina d'Aspromonte (RC) il 4.1.1950, residente in Genova, alias "Lattoniere".

Il capo di imputazione è chiaro:
Del reato di cui all' art. 416 bis commi 1, 2, 3, 4, 5 e 6 c.p., per aver fatto parte, con altre persone tra cui GANGEMI Domenico, BELCASTRO Domenico (separatamente giudicati nell'ambito del proc. pen. n. 1389/2008 R.G.N.R. DDA della Procura della Repubblica di Reggio Calabria) ed altre persone (alcune delle quali allo stato non ancora identificate) dell'associazione mafiosa denominata 'ndrangheta, operante da anni sul territorio della Regione Liguria, collegata con le strutture organizzative della medesima compagine insediate in Calabria e costituita in articolazioni territoriali denominate "locali" di Genova, Lavagna, Ventimiglia e Sarzana, locali coordinati da un organo denominato "camera di controllo della Liguria"

E si legge nell'Ordinanza...

Leggi tutto

Stampa Email

dal blog di Beppe Grillo... "La Liguria e la 'Ndrangheta"

La Liguria e la 'ndrangheta -
Christian Abbondanza

La Liguria e la 'Ndrangheta - intervista a Christian Abbondanza

La criminalità organizzata si è fatta Stato. Può, indifferentemente, inserire i suoi uomini nelle istituzioni o condizionare gli eletti. Muove pacchetti di voti e i partiti sono affamati di voti. Senza i voti non esisterebbero. Il Nord Italia sta subendo (ha già subito?) la stessa sorte del Sud del Paese. Liguria, Lombardia, Piemonte sono diventate terra di 'ndrangheta come la Calabria.
Intervista a Christian Abbondanza di Casa della Legalità...
PER CONTINUARE CLICCA QUI

Stampa Email

Scullino "scappa" ma Maroni deve sciogliere Ventimiglia!


NOTA SULLA CONFERENZA STAMPA DEL 25.06.2011 A VENTIMIGLIA
SULLE DIMISSIONI-FUGA DI SCULLINO, MA ANCHE SU VALLECROSIA...
E SULLA NECESSITA' DI FAR SENTIRE IL DISPREZZO SOCIALE AI MAFIOSI
COME I FORTUNATO BARILARO ED ALTRI PARASSITI DEL SUO "LOCALE",
E ROMPERE FINALMENTE QUELLA DILAGANTE OMERTA' OPPORTUNITICA
IN CODA I LINK AGLI 
ARTICOLI DELLE DIVERSE TESTATE ONLINE

VENTIMIGLIA. Quanto accaduto, ovvero l'impossibilità di procedere all'insediamento della Commissione di Accesso al Comune di Ventimiglia, dimostra - dopo i giù gravi ritardi sullo scioglimento del Comune di Bordighera - le pesanti responsabilità da parte del Prefetto di Imperia che abbiamo pesantemente denunciato nei mesi scorsi.

La questione "VENTIMIGLIA" era una questione gravissima che imponeva già un anno fa di procedere. Prima di tutto si tratta di un Comune con 25.000 abitanti, ben oltre quindi la dimensione "Bordighera", e qui si era in presenza sia di un infiltrazione, sia un condizionamento da parte della 'ndrangheta nell'Ente...

Leggi tutto

Stampa Email

I PELLEGRINO in mutande! Sequestrati oltre 9 milioni di beni dalla DIA

I PELLEGRINO in mutande! Sequestrati oltre 9 milioni di beni dalla DIA

 

Se l'aggressione dei beni dei mafiosi è la strada maestra per annientare le cosche, l'aggressione dei beni degli imprenditori mafiosi è ancora di più: è un colpo assestato alla capacità delle cosche di condizionare l'economia, gli appalti e le Pubbliche Amministrazioni. Ed allora non possiamo che essere soddisfatti che i PELLEGRINO siano rimasti in mutande!

La DIA di Genova, con l'Arma dei Carabinieri, questa mattina, ha infatti eseguito perquisizioni e sequestri nelle proprietà dei fratelli PELLEGRINO, in quell'imperiese che i signorotti Michele, Giovanni, Maurizio e Roberto PELLEGRINO (con i cumpari BARILARO, VALENTE E DE MARTE) pensavano fosse terra loro.

Con l'Operazione odierna la DIA ha applicato la misura di sequestro preventivo dei beni dei PELLEGRINO - richiesto dal Centro Operativo di Genova della stessa DIA e disposto dal Tribunale di Imperia - che ammontano ad un valore di oltre 9 milioni di euro che, a seguito del contraddittorio tra le parti, davanti al Giudice della Sezione Misure di Prevenzione del Tribunale di Imperia, andranno a confisca. Nell'ambito dello stesso procedimento, che ha colpito gli esponenti della cosca dei SANTAITI-GIOFFE', agli stessi, ovvero Michele, Giovanni, Maurizio e Roberto PELLEGRINO, sono state anche applicate le misure della sorveglianza speciale di P.S. (con obbligo di dimora) per i prossimi 5 anni...

Leggi tutto

Stampa Email

La pax tra cosche in Liguria pare davvero essere rotta...

Serve il colpo di grazia... ora che gli equilibri si sono rotti
[IN CODA LA RASSEGNA STAMPA SU VENTIMIGLIA, IL SAVONESE E SULLE
MISURE DI PROTEZIONE DISPOSTE PER IL PRESIDENTE DELLA CASA DELLA LEGALITA']

L'epicentro era il savonese. E' lì dove i due grandi "casati" della 'ndrangheta, quello dei PIROMALLI e quello dei MORABITO-PALAMARA-BRUZZANITI, avevano stretto il patto spartendosi il territorio. Era anomala quella "collaborazione" tra le cosche della Piana di Gioia Tauro e quelle di Africo, e qualcuno per anni ha voluto non vedere cosa ci celava dietro a quella pax, e sosteneva che non essendoci episodi eclatanti la ragione era semplice: la mafia era stata sconfitta, la mafia non c'era...


Quella pace e convivenza tra organizzazioni criminali diverse, non imparentate, della 'ndrangheta era invece elemento che testimoniava la loro forza e l'ottenuta penetrazione profonda in quella terra, in Liguria. Non si era solo davanti ad un salto di qualità, dalla mafia "di strada" alla mafia "imprenditrice", dalla mafia che "spara" a quella che corrompe e compra (anche nei settori di controlli, oltre che nella politica e nella società civile)... quello che si aveva sotto gli occhi era la capacità acquisita, a fronte della colonizzazione, di decidere "tra loro" come dividersi gli affari e come sfruttare le indicibili alleanze, compromissioni e contiguità costruite a suon di denaro più che di intimidazioni...

Leggi tutto

Stampa Email

Ventimiglia va sciolto ma il Prefetto Di Menna (ri)perde tempo...

Il Prefetto di Imperia dal non vedo al vedo non vedo
Non è passato nemmeno un giorno dall'emergere delle inquietanti posizioni assunte dal Prefetto di Imperia sullo scioglimento del Comune di Bordighera, che il Di Menna torna a presentarsi "ballerino"... mentre la situazione si aggrava, giorno dopo giorno.

Dopo la nostra richiesta dello scorso anno di una Commissione di Accesso al Comune di Ventimiglia per procedere allo scioglimento e commissariamento dell'Amministrazione per infiltrazione e condizionamento della 'ndrangheta, il Prefetto Di Menna avviò l'iter e chiede riscontri ai reparti investigativi. L'Arma dei Carabinieri, con un articolato rapporto, confermavano che il Comune di Ventimiglia era pesantemente condizionato dalle cosche calabresi. Il Prefetto restò muto, il Sindaco Scullino invece fece approvare una delibera (clicca qui) dalla Giunta Comunale per querelarci.

I Carabinieri del ROS e di Imperia hanno quindi predisposto per il Prefetto un supplemento di indagine che conclude: occorre sciogliere l'Amministrazione comunale di Ventimiglia!
Il Prefetto Di Menna inizialmente fa sapere (e se Il Secolo XIX ne da notizia significa che ne ha riscontro) che questa volta sarebbe d'accordo con le conclusioni dell'Arma.
[leggi gli articoli de Il Secolo XIX del 21 maggio 2011]

La notizia "choc"...

Leggi tutto

Stampa Email

A Bordighera servirebbe decenza ed all'imperiese serve un Prefetto, non un "non vedo, non sento, non

Bosio & clan Pellegrino

Giovanni Bosio compie un ulteriore atto di sfregio alla città di Bordighera. Con il suo ricorso al Tar per far annullare lo scioglimento per infiltrazioni e condizionamento mafioso dell'Amministrazione comunale, testimonia un disperato tentativo di negare le evidenze. Quando a Bordighera servirebbe decenza da parte della politica, arriva questa ennesima scelta che rappresenta un palese insulto alle Istituzioni. Non è bastato a Bosio ed alla sua ciurma che il provvedimento sia giunto con grave ritardo (grazie al Prefetto Di Menna) permettendo così a quell'amministrazione condizionata dalla 'ndrangheta di procedere con l'adozione di nuovi provvedimenti, sino al mega ampliamento del Porto. No, insiste... e questo ci pare davvero troppo.... troppo umiliante per quella comunità di Bordighera che, come avevamo scritto, ha urgente bisogno di una rinascita.

Nel frattempo, quanto avevamo detto sul Prefetto Di Menna, trova conferma ad ogni carta ufficiale che emerge: costui non ha fatto il suo dovere! Che le ragioni siano nell'incapacità di leggere il fenomeno (e le carte di rapporti e relazioni dei reparti investigativi e della Commissione di Accesso), nella reticenza ad affrontare un fenomeno che spaventa o nel piegarsi alle pressioni del blocco di potere (tra legale e illegale) dominante nell'imperiese, bisognerà capirlo... Ma quel che è evidente è che Di Menna non possa restare un giorno di più in quella Prefettura e che a quell'Ufficio deve essere nominato un Prefetto esperto e determinato...

Leggi tutto

Stampa Email

E da Torino scatta l'arresto per Boccalatte... (ma il CSM?)

Boccalatte dopo l'interrogatorio del gennaio 2011 - foto Riviera24
Da quando è esploso il caso di corruzione in atti giudiziari al Tribunale di Imperia (gennaio 2011), ci domandavamo come fosse possibile che si arrestasse un autista (Giuseppe FASOLO) e non il principale indagato, ovvero il Presidente del Tribunale di Imperia, Gianfranco BOCCALATTE...

Leggi tutto

Stampa Email

Al Comune di Ventimiglia vince la società del boss con una proposta che non si può rifiutare...



Gaetano ScullinoIl Comune di Ventimiglia, con Gaetano Scullino sindaco, grazie alla coalizione con il MOIO affiliato alla 'ndrangheta e con il figliolo del esponente apicale della cosca PELLEGRINO-BARILARO all'Ufficio Licenze, ha chiuso la gara per l'incarico relativo alla collocazione delle macchinette automatiche per bevande ed alimenti...

Ed a quella gara è giunta una proposta che, come si suol dire, non si poteva rifiutare... e così ha vinto la COFFEE' TIME, creatura del boss Gianni INGRASCIOTTA, amico degli amici, dai locali TAGLIAMENTO & PELLEGRINO sino al Matteo MESSINA DENARO...

Leggi tutto

Stampa Email

'Ndrangheta, politica e territorio, una fotografia del contesto di Ponente

'Ndrangheta, politica e territorio, una fotografia del contesto di Ponente

L'imperiese è una zona cruciale e la mappatura è chiara da tempo... solo la politica, nella sua grande parte, il Prefetto Di Menna (a proposito quando viene trasferito?) ed il vice-re Claudio Scajola si ostinano a negare l'evidenza. Come Casa della Legalità abbiamo parlato a lungo di questo territorio. Abbiamo presentato esposti, segnalazioni e istanze dettagliate... abbiamo affrontato la questione pubblicamente ed ora ci torniamo con questa nuova lunga "tappa"...

Leggi tutto

Stampa Email

Mafia, politica ed economia... visto che insistono: ecco un riepilogo (con nomi e cognomi)



Mafia, politica ed economia... visto che insistono: ecco un riepilogo (con nomi e cognomi)
Non è possibile continuare a vedere e sentire politici e pubblici amministratori che, dall'una e dall'altra parte, negano e minimizzano. Altrettanto insopportabili sono i politici e pubblici amministratori che vedono la mafia solo dove "governano" gli altri. Non meno insopportabili sono anche i politici e pubblici amministratori che parlano contro la mafia, si dicono pronti ad affrontare quanto emerge (come se fosse una novità la mafia in Liguria) e che se poi andiamo a vedere erano tra quelli che avevano rapporti con gli uomini delle cosche. Non da meno sono gli industriali. Anche qui la schiera dei negazionisti è sempre ben fornita, così come quella di quelli che minimizzano e di coloro che parlano bene ma razzolano male. Così facendo si continua nel non affrontare la realtà per quel che è: gravissima! In questo modo si rende il peggior servizio al contrasto alle mafie e quindi alla comunità. Ed allora vediamo un attimo di fare il punto, sulla base di quanto sino ad ora emerso da inchieste, atti e fatti inconfutabili...

Leggi tutto

Stampa Email

I signori della Sanremese tra killer, estorsioni e droga...

I Del Gratta della Sanremese arrestati...
[Marco Del Gratta, Riccardo Del Gratta, Nicola Trazza e Davide Ventre]
Ebbe sì, avevamo detto che i signori Del Gratta non la raccontavano giusta sulla questione delle minacce subite da alcuni giocatori della squadra perché questi se ne andassero. Avevamo anche indicato che in certi ambienti mafiosi i Del Gratta avevano posto attenzioni per alleanze societarie... Ora la svolta nelle indagini coordinate dal Procuratore capo di Sanremo, Cavallone, ed il sostituto Politi, con Polizia Giudiziaria e Carabinieri. I Del Gratta sono stati arrestati... erano i beneficiari delle minacce portate da due killer saliti dalla Calabria...

Leggi tutto

Stampa Email

Da Bordighera a Ventimiglia ed oltre...

Comune di Bordighera sciolto per mafiaAvevamo già scritto ampiamente su questi due Comuni, così come su altri, dell'imperiese come Vallecrosia e Castellaro. Ora su Bordighera è arrivato quello che chiedevamo (e sapevamo) da tempo: lo scioglimento del Consiglio Comunale e della Giunta Bosio per i condizionamenti della 'ndrangheta. I fatti erano chiari: vi era una inequivocabile azione di condizionamento mafioso sulla parte elettiva e su quella burocratica del Comune di Bordighera...

Leggi tutto

Stampa Email

C'e' Gioia (Tauro) tra Alassio e Ventimiglia...

Gioia TauroChe nel savonese, la Piana di Albenga - a partire dalla Loano di Fameli e dal Borghetto S.Spirito e Toirano dei Gullace e Fazzari - fosse stata scambiata dalle cosche Gullace-Raso-Albanese e Piromalli, con la Piana di Gioia Tauro non è una novità, anzi... 
E' una lunga storia, che risale nei decenni quella del duetto tra savonese e Piromalli... Ma è la storia (presente) che ci consegna altri dettagli e permete, forse, di inquadrare meglio il contesto.
E ' una storia che parte da Gioia Tauro, arriva ad Alassio e da qui va sino Ventimiglia, in costante contatto con la madre terra...

 

AlassioLa prima, Alassio è quella dell'onnipotente arch. Marco Melgrati (uno dei politici più indagati d'Italia, con una condanna in primo grado, approdato nel Consiglio Regionale ed al contempo dichiarato decaduto da Sindaco direttamente da un Decreto del Presidente della Repubblica. E' una cittadina su cui da tempo abbiamo posto le nostre attenzioni, così come anche i giornalisti Marco Preve e Ferruccio Sansa con il libro "Il Partito del Cemento"... ed al centro delle inchieste della Procura di Savona con il Procuratore Granero, ed ha visto arrivare nelle settimane scorse anche le ispezioni della Direzione Investigativa Antimafia. Tra i punti più contestati, oltre all'immane colata di cemento, sono: lo Stadio Comunale (quello, per intenderci, della betoniera con cui aprivamo il nostro video sulla cittadina) e le concessioni per gli stabilimenti balneari che hanno rappresentato uno strano intreccio tra Comune e Massoneria... con un nuovo filone d'inchiesta sul "voto di scambio"... un indagine che vede moltepli indagati nell'ambito dell'amministrazione, tra cui Demetrio Valdiserra, vicesegretario generale del Comune di Alassio.

VentimigliaLa seconda, Ventimiglia, è uno dei punti cardine storici del radicamento della 'ndrangheta in Liguria (come ribadito anche nell'ultima Relazione della Procura Nazionale Antimafia), di cui abbiamo ampiamente parlato, con addirittura un "affiliato" alla 'ndrangheta (Vincenzo Moio, secondo l'Ordinanza "Il Crimine") che siede nel Consiglio Comunale di confine che -stando al rapporto dei Carabinieri a seguito della nostra istanza alla Prefettura - non è semplicemente infiltrato, bensì condizionato dalla 'ndrangheta.

 

Ma andiamo con ordine in questa fotografia di fatti e protagonisti.

 

La Casa della Legalità è riuscita a prendere visione della Relazione della Commissione di Accesso al Comune di Gioia Tauro che ha portato, in parallelo alle inchieste della DDA, allo scioglimento dell'Amministrazione comunale nel 2008...

Leggi tutto

Stampa Email

BORDIGHERA, come dicevamo: SCIOLTO IL COMUNE PER MAFIA

Il sindaco di Bordighera alla fiaccolata di Libera contro le mafie
Alla fine anche Maroni ed il Governo hanno dovuto procedere. Il condizionamento della 'ndrangheta sul Comune di Bordighera era plateale, accertato... potevano tentare di ritardare (e lo hanno fatto)... potevano tentare di negare l'impossibile (e lo hanno fatto), ma alla fine le carte, come avevamo anticipato da tempo, oltre ai fatti conclamati, non potevano che portare alla decisione di SCIOGLIERE IL COMUNE DI BORDIGHERA per infiltrazioni mafiose. E' una vittoria, parziale, importante! Ma appunto parziale perché ci sono altri COMUNI dell'imperiese, del savonese e del genovese (per restare in Liguria, altrimenti se guardassimo, ad esempio, alla Lombardia la lista - che abbiamo già fatto  - sarebbe ancora più lunga) dove condizionamenti, quando non addirittura infiltrazioni all'interno degli organi elettivi e più in generale nella "macchina comunale" sono pesanti e conclamati. Ma questa vittoria dimostra che ce la si può fare... se si fanno emergere i fatti e se si permette ai reparti investigativi di lavorare a 360 gradi, come ha fatto la Procura di Sanremo.
Riteniamo doveroso, oltre al ringraziare i reparti investigativi, la Procura di Sanremo e la Commissione di Accesso, segnare che ruolo fondamentale in questa vicenda è stato svolto dai media che non hanno taciuto, bensì dato ampio risalto ai fatti. Come diciamo da tempo il problema esiste, bisogna però affrontarlo, ponendo la massima attenzione, perché solo così si possono colpire le organizzazioni mafiose, le loro contiguità, connivenze e complicità con il mondo politico ed economico. La strada scelta per decenni al nord ed in Liguria, del silenzio e del negazionismo, è stata lo scenario prediletto delle mafie per rafforzarzi. Su Bordighera si è dato prova che le cose possono andare diversamente se non si nasconde la testa sotto la sabbia!

RILEGGI LO SPECIALE CON TUTTI GLI ARTICOLI SU BORDIGHERA E L'IMPERIESE

RIGUARDA LA PUNTATA DI SKY TG24 SULLA 'NDRANGHETA IN LIGURIA

Stampa Email

La Liguria crocevia strategico (e pratico) della 'Ndrangheta

Continueranno a negare anche adesso? Probabilmente sì... si continuerà ad agevolare, di fatto, le attività delle organizzazioni mafiose in Liguria, perché gli interessi in gioco di un economia e politica spregiudicate non hanno limiti.
Poniamo questa domanda perché oggi è stata diffusa la Relazione della Procura Nazionale Antimafia che conferma quanto denunciamo da anni sul ruolo di crocevia per la 'ndrangheta che è rappresentanto dalla Liguria, con tutte le sue province. Conferma anche la presenza e le attività delle altre organizzazioni mafiose italiane come Cosa Nostra e Camorra... e conferma che è una presenza storica e diffusa. Insomma: quando lo dicevamo noi ci davano dei pazzi!
Si ripropongono le risultanze delle ultime attività investigative di cui abbiamo parlato ampiamente, così come dei provvedimenti di sequestro e confisca dei beni... E si afferma anche che, nel periodo in esame (ovvero tra il luglio 2009 ed il giugno 2010) la DDA di Genova ha subito variazioni che non ne hanno favorito la funzionalità!
La Liguria è una porta sul nord, lo sbocco al mare delle colonizzazioni settentrionali delle mafie ma anche un ponto per i traffici ed affari internazionali.
Da un lato si confermano, nelle attività svolte, i nomi già conosciuti delle cosche e dei principali esponenti delle cosche, ma vi è, in questa Relazione, ancora una volta, una mancanza: le risultanze sui rapporti con la politica e le pubbliche amministrazioni, sui fenomi di contiguità, quando non di connivenza e vero e proprio "voto di scambio", emersi da molteplici inchieste giudiziarie ed attività investigative.

Nei prossimi giorni ci torneremo e per ora pubblichiamo uno schema grafico che abbiamo realizzato sulla base di quanto emerge dai più recenti Atti ufficiali in merito ai rapporti che le organizzazioni mafiose che hanno colonizzato la Liguria hanno, con le altre regioni settentrionali e con i principali stati esteri (abbiamo omesso, naturalmente, i collegamenti con le "Terre d'origine" in quanto, almeno queste, dovrebbero essere chiare)... Sperando che la grafica aiuti più di tante pagine a dare l'idea che non c'è tempo da perdere per reagire!

Stampa Email

'Ndrangheta, ultima fermata a Nord - Liguria - Sky Tg24

5 e 12 marzo 2011 - Su Sky Tg24 è andata in onda lo speciale "'Ndrangheta, ultima fermata a Nord" riguardante la Liguria (la prima parte) ed Emilia-Romagna e Piemonte (la seconda parte)... terre che qualcuno si ostina ancora a credere esenti dal problema mafia. Per chi non avesse visto le puntate eccole qui con i video integrali:



Stampa Email

Nell'imperiese (e non solo) l'omerta' ligure si dimostra peggio che al sud

Nell'imperiese (e non solo) l'omerta' ligure si dimostra peggio che al sud
Mentre si è ancora in attesa che il Ministro Maroni proceda a far adottare dal Governo il Decreto di scioglimento per infiltrazione mafiosa del Comune di Bordighera... e che si proceda su quello di Ventimiglia (dove siede in consiglio un affiliato alla 'ndrangheta), il Prefetto Di Menna si è inabissato, gli amministratori pubblici (nei secoli fedeli... a Claudio Scajola) continuano a negare il radicamento della organizzazioni mafiose e soprattutto quello della 'ndrangheta... e gli industriali si dedicano all'arte dello struzzo...

Leggi tutto

Stampa Email

Sempre piu' sconcertante la situazione dell'imperiese

Commissariate il Pd di Imperia prima che sia troppo tardi![dopo il lancio del nostro comunicato stampa è iniziata la grande virata di Faraldi, in coda la news con una vignetta da AlzaLaTesta]
Il Prefetto non opera come dovrebbe, il centrodestra non molla, Maroni fa finta di nulla ed il PD imperiese corre in soccorso...
Chiediamo: immediato scioglimento dei Comuni di Bordighera e Ventimiglia; ispezione in Prefettura, Commissariamento del PD imperiese!

Le evoluzioni a cui si assiste nella provincia di Imperia sono sempre più involuzioni sconcertanti e preoccupanti
. Il problema della "colonizzazione" mafiosa che condiziona e infiltra le pubbliche amministrazioni (e che non riguarda solo l'imperiese ma anche gli ambiti territoriali di Genova e Savona) deve essere affrontato con serietà e risolutezza, senza possibilità di mediazione o tatticismi dalla politica...

Leggi tutto

Stampa Email

Continui sviluppi nella riviera delle cosche... (tra Vallecrosia e Sanremese)

Il Domenico CRUDO, da Taurianova a Vallecrosia con il fucile nell'armadiettoI Carabinieri nell'imperiese stanno portando avanti un lavoro straordinario. Da quando il colonnello Franco Cancelli ha lasciato il Comando di Imperia si è assistito ad un cambio di passo significativo che ha suggellato un efficace intesa con la Procura di Sanremo retta dal Procuratore Roberto Cavallone.

Così dopo le operazioni contro i Pellegrino-Barilaro, gli arresti di killer salita dalla Calabria o di quelli con attività tra Ventimiglia e Vallecrosia... dopo i sequestri d'armi e munizioni, l'azione di contrasto non si ferma.

Oggi è stato finalmente le attenzioni si sono concentrate su un nucleo familiare "pesante" con base nel Comune di Vallecrosia. E' infatti stato arrestato Domenico CRUDO, 78 anni, pluri condannato e che infatti stava scontando una pensa ai domiciliari. In casa, nell'armadio aveva un ben oliato fucile, carico e pronto a fare fuoco. Naturalmente l'originario di Taurianova lo deteneva clandestinamente e quell'arma, sovietica, non era mai stata registrata in Italia...

Leggi tutto

Stampa Email

News dall'imperiese... tra Porto di Imperia, contiguita' "togate" con mafiosi ed altre bazzecole...

Mafie & Collusioni sotto scacco dello Stato
Le novità che giungono dal "fronte occidentale" sono sempre più pesanti e confermano quanto da tempo scriviamo e denunciamo. Dopo l'arresto dei due Macrì che, intercettati, evidenziavano che lì, nell'imperiese, ormai si "è in guerra" e stavano preparando un attentato per uccidere due Carabinieri come azione dimostrativa per convincere gli inquirenti a porre fine alle inchieste sulla 'ndrangheta, le novità non mancano. Dalla "partita" del Porto di Imperia con la decadenza della concessione e nuovi politici e amministratori indagati, all'inchiesta per corruzione in atti giudiziari che coinvolge il Presidente del Tribunale di Imperia (già presidente di quello di Sanremo) che avrebbe agevolato in diversi provvedimenti uomini delle cosche mafiose, per arrivare agli interessi gravitanti attorno alla Sanremese calcio ed alla situazione nei Palazzi di Questura e Prefettura, non mancano le novità che brevemente affrontiamo punto per punto...

Leggi tutto

Stampa Email

Ritardi e pressioni su Bordighera... si renda pubblica la Relazione della Commissione di Accesso!

Il Prefetto di Imperia Di Menna con il col. Cancelli

Si vuole arrivare ad un nuovo caso Fondi? Questo è il rischio che si corre sul Comune di Bordighera (e quello di Ventimiglia). Le lentezze e le procedure sono infatti preoccupanti ed i condizionamenti politici sono sempre più asfissianti.

 


La richiesta di sospensione delle funzioni dell'amministrazione di Bordighera e quindi di scioglimento per infiltrazioni mafiose è stata avanzata l'estate scorsa dai Carabinieri (dopo la sostituzione al Comando prov. dei Carabinieri di Imperia del col. Cancelli). Subito dopo, a seguito della nostra istanza alla Prefettura, una nuova relazione dei Carabinieri comunicava che il condizionamento delle cosche della 'ndrangheta vi era anche a Ventimiglia.

Il Prefetto di Imperia nominò la Commissione di Accesso per il Comune di Bordighera (su Ventimiglia non ancora) e questa i primi di dicembre 2009 gli ha consegnato la Relazione conclusiva (che come abbiamo recentemente scritto, sulla base delle indiscrezioni, non si discosta dalle risultanze della Relazione dell'Arma dei Carabinieri).
Apprendiamo oggi che tale Relazione non è stata ancora inviata al Ministro dell'Interno che, per legge, deve predisporre e proporre al Consiglio dei Ministri il decreto di scioglimento.


Ma non basta. Dalle ultime informazioni rispetto alla riunione del Comitato dell'Ordine Pubblico di oggi a Imperia, sul caso Bordighera (pubblicate su Riviera24), si apprende che:
- in tale sede è stata illustrata la Relazione della Commissione di Accesso (atto secretato) sul Comune di Bordighera, guidato dal 2002 dal sindaco Bosio (PDL);
- alla stessa riunione erano presenti il Sindaco di Imperia, Strescino (PDL) ed il Presidente della Provincia di Imperia, Sappa (PDL). Invitato ma assente (sempre stando a quanto pubblicato da Riviera24) anche il Sindaco di Bordighera.


A questo punto la riservatezza dei contenuti della Relazione della Commissione di Accesso è venuta meno nel peggiore dei modi: con informazioni dirette a quegli stessi esponenti politici del PDL che, in quel territorio, contano tra le proprie fila quegli amministratori pubblici (ed un Parlamentare, Eugenio Minasso) con pesanti contiguità con gli esponenti delle cosche della 'ndrangheta, ovvero di quello stesso partito che ancora nei giorni scorsi con l'ex Ministro Scajola e il segretario provinciale, ha negato che nell'imperiese vi fosse una presenza mafiosa.

In questo contesto, inoltre, non può essere sottaciuto anche l'interesse politico della Lega Nord ad una soluzione "silenziosa" ed "indolore" per l'Amministrazione di Bordighera, visto e considerato che ex esponente di quell'amministrazione del sindaco Bosio, sino agli arresti del clan Pellegrino, era l'esponente della Lega Nord, padre di Sonia Viale che, sempre della Lega Nord, è sottosegretario del Governo in carica, ovvero dello stesso Governo che dovrebbe decretare lo scioglimento del Comune di Bordighera.

Dobbiamo impedire che si assista ad un nuovo "caso Fondi" e pertanto diviene urgente, come primo punto, che la Relazione della Commissione di Accesso (già illustrata ai compagni di partito del sindaco Bosio) venga resa pubblica, così che i cittadini siano informati delle risultanze dell'inchiesta amministrativa e possano chiedere conto agli amministratori pubblici, nonché al Prefetto ed al Ministro dell'Interno per i gravi ritardi nell'affrontare una situazione esplosiva, come sempre più evidenziano le inchieste e ordinanze della Procura di Sanremo.


PS
E l'Opposizione intanto che fa?

Stampa Email

Imperiese. I Macri' pronti ad uccidere a scopo "dimostrativo"

Michele ed Alessandro MACRI' con la pistola sequestrata [foto Riviera24]
La 'Ndrangheta non regge il contrasto della Procura di Sanremo e l'attenzione posta sui suoi affari. Dopo l'arresto a Bordighera dei killer saliti dalla Calabria (Salvatore e Francesco Cadilli Rispi insieme a Giuseppe e Francesco Fazzari), oggi due nuovi arresti nel piccolo comune di Vallecrosia, per sventare attentati a diversi "obiettivi" (tra cui soggetti "istituzionali") che dovevano essere uccisi a scopo "dimostrativo".
Gli arrestati sono Michele ed Alessandro MACRI' (padre e figlio, il primo nato a Cinquefrondi RC ed il secondo a Bordighera IM). I due soggetti, gestori a Ventimiglia del bar de "Il Mercatone", sono stati trovati in possesso di una pistola 6,35 di fabbricazione francese con matricola abrasa (detenuta illegalmente).
A far scattare gli arresti i contenuti delle intercettazioni ambientali nelle quali i Carabinieri di Imperia hanno ascoltato i piani del gruppo di fuoco 'ndranghetista che, come detto, erano volti a colpire per uccidere più persone.
E' da tempo che denunciamo il passaggio dal "silenzio" delle organizzazioni mafiose all'azione violenta... Evoluzione che significa non solo la volontà da parte delle cosche del territorio ma anche che vi è il "consenso" all'azione violenta da parte delle cosche della "terra madre".
I due nuovi arresti di oggi dimostrano che però i mafiosi possono essere fermati prima di passare dai piani ai fatti... perché, come diciamo da tempo, quando i reparti investigati e le Procure (come in questo caso quella di Sanremo) sono determinati a colpire e sradicare le cosche, i mafiosi non hanno scampo.
Occorre ora che si comprenda, a partire dalla collettività, che occorre denunciare ed isolare i mafiosi senza cedere all'omertà. Devono capirlo i semplici cittadini, così come i politici, gli amministratori pubblici ed imprenditori... Non si deve cedere alle intimidazioni ma si deve contrastare fattivamente le organizzazioni mafiose e le complicità e contiguità che le avvolgono e proteggono!

Stampa Email

Quelli del Negro meglio di un assicurazione... in mezza Liguria

Valter NegroNella "calda" riviera Ligure che va da Arenzano sino al confine, con i fuochi si è anche diffusa una leggenda (extra)metropolitana. Si racconta che ci sia solo un argine ai roghi che colpiscono stabilimenti balneari e porticcioli. Non sono ne i Vigili del Fuoco e nemmeno assicurazioni o "ronde" legaiole... nemmeno un pattugliamento diffuso delle Forze dell'Ordine che anche volendo non potrebbero farlo visti i continui tagli... e men che meno le denunce tempestive e mirate di chi subisce richieste estorsive... anche perché, come si sa, è praticamente una costante che ad ogni rogo o danneggiamento seguano immediate le dichiarazione delle vittime per cui non avrebbero mai ricevuto minacce o richieste, con conseguente identikit del colpevole: il vecchio frigo! Quel che si racconta, lungo la riviera che dal ponente genovese arriva sino all'imperiese, è che quando si chiamano a compiere i servigi di "vigilanza" negli stabilimenti e porticcioli "quelli" del (pluripregiudicato) Valter Negro tutto fila liscio senza alcun disturbo. Nelle terre dei Fameli, Fotia, Gullace & C, ovvero dei potenti "casati" dei Piromalli e dei Morabito-Palamara-Bruzzaniti, dove c'è il Negro (dopo l'era di locali notturni e discoteche... con i suoi innumerevoli precedenti di polizia e condanne per droga, lesioni, furti... sino all'omicidio, che fanno "curriculum") si raggiunge una pax perfetta. Chissà come finirà questa leggenda (extra)metropolitana?

Stampa Email

La Commissione di Accesso: Comune di Bordighera va sciolto per mafia

Momento della campagna elettorale dei Pellegrino con Bosio

I lavori della Commissione di Accesso al Comune di Bordighera, affiancata da Dia, Gico e Ros, si è conclusa con la consegna della Relazione al Prefetto di Imperia e, quindi, al Ministro degli Interni.
La conclusione è inequivocabile: la Commissione richiede l'immediata sospensione degli organi elettivi nell'attesa che venga disposto, con Decreto, lo scioglimento per infiltrazione mafiosa.

Vorrà ora il Prefetto procedere su quanto richiestogli nelle settimane scorse dalla Commissione ed il Ministro dell'Interno promuovere e far approvare dal Consiglio dei Ministri lo scioglimento del Comune di Bordighera? Auspichiamo di sì, anche perché la situazione, così come evidenziata dalla Commissione di Inchiesta nella sua relazione, è grave.

E sul tema torna in campo Claudio Scajola...

Leggi tutto

Stampa Email

Mafia di ponente, tra pallettoni e roghi, cantieri e killer

Mafia di ponente, tra pallettoni e roghi, cantieri e killer Ecco una breve rassegna per ricapitolare il tutto (che nei prossimi giorni approfondiremo):

- A Bordighera la Commissione di Accesso, affiancata da Dia, Gico e Ros, ha concluso il suo lavoro sul Comune e quanto già emerso durante il suo lavoro non fa ben sperare per l'Amministrazione del Sindaco Bosio. Ora la Relazione è sul tavolo del Prefetto di Imperia e forse del Ministro dell'Interno.

- A Castellaro e nelle altre cave e discariche dell'imperiese, come Pieve di Teco, qualche controllo si è iniziato ad avere ed i primi risultati paiono arrivare. A Pieve di Teco infatti è scattato un bel sequestro di una discarica abusiva che porta alla luce i traffici (si parla di 280 tonnellate di rifiuti, per un giro di denaro ben superiore al milione di euro) che ruotano attorno a società, una cooperativa sociale e la Onlus "Galileo" dell'ex sindaco di Chiusavecchia, Luigi Gandolfo.

- A Imperia continua l'inchiesta sul Porto voluto da Scajola e Caltagirone Bellavista (con l'allora "furbetto" dell'Antonveneta, Fiorani) e la "concessione" traballa. Ed intanto le carte al vaglio della Procura di Imperia sono sempre più pesanti anche perché è spuntato un atto notarile in cui il Presidente della Porto di Imperia Spa, ovvero il rappresentante del Comune, senza alcun mandato del Comune, ha ceduto la concessione alla società Acquamare del Caltagirone

- A Sanremo l'imprenditore dei distributori automatici di Caffè, il boss Giovanni Ingrasciotta, tanto amico del boss Matteo Messina Denaro, finisce formalmente sotto inchiesta e l'appalto Asl (una "bazzecola" di business da 6 milioni di euro) viene annullato. Che la "concorrenza" della Coffee Time dell'Ingrasciotta, cioè la Dds avesse visto andare a fuoco sette camion, un camioncino e due container, non era questione di autocombustione e che la nuova guida della Procura di Sanremo se ne sia accorta non è male

- Nei cantieri Ferrovial per lo spostamento della linea ferroviaria tra San Bartolomeo al Mare e Andora, dopo i sopralluoghi di Dia e Procura di Savona, scatta il sequestro per le famose forniture di cemento depotenziato. Così come nei cantieri dell'Aurelia Bis si fa sempre più intenso il controllo di Dia e Carabinieri, anche perché il materiale da scavo non si sa bene dove finisca.

- Al Comune di Ventimiglia sono arrivati i Carabinieri mandati dalla DDA per acquisire pratiche, documenti di appalti, concessioni e pure per l'assunzione del figliolo del boss Fortunato Barilaro, ovvero Giuseppe (prima all'ufficio personale, poi all'ufficio licenze). Il Sindaco Scullino dice che va tutto bene, il Direttore Generale (nonché commercialista e socio del Sindaco) Prestileo dice anche lui che va tutto bene... contenti loro!

- Al Porto di Ventimiglia i controlli si fanno serrati. Le traversine del Porto erano proprio quelle delle ferrovie (e che sono rifiuti speciali)... e sui movimenti terra e conferimenti e spuntano "scherzosi" colpi di lupara (otto) alla macchina dell'imprenditore Pier Giorgio Parodi. A spararli (e finire in cella) un ex collaboratore del Parodi, ovvero il geometra Ettore Castellana, e Annunziato Roldi. Chiedevano solo che nel cantiere del Porto di Ventimiglia si facessero lavorare anche alcuni "amici" oltre ai Pellegrino. Il Parodi disse che per il lavoro era tutto pieno ma lui avrebbe pagato ugualmente gli "amici" come se il lavoro lo facessero... poi non ha denunciato nulla ed ha proceduto nel far sistemare in fretta la macchina crivellata, facendosi poi anche strenuo difensore dei due, affermando che i magistrati si sbagliano, perché l'agguato ed i colpi di lupara erano solo uno scherzo.

- Sempre sul Porto di Ventimiglia ed i rapporti di lavoro (che continuano no-stop) con la società dei fratelli Pellegrino, la figlia del Pier Giorgio Parodi, ovvero la Beatrice Parodi vedova Cozzi, quasi in Caltagirone, compie acrobazie olimpioniche per negare l'evidenza.

- Miche Damiano, nipotino del boss "quaraquaqua" Giovanni Tagliamento (in ritirata a Mentone), è l'indiziato per l'omicidio di Vincenzo Campana, loanese, ucciso, mutilato e carbonizzato in tubo.

- A Bordighera vengono arrestati (dalla Procura di Sanremo) 4 killer della 'ndrangheta saliti (come d'abitudine) dalla Calabria. Sono due coppie di fratelli di Taurianova, Salvatore e Francesco Cadilli Rispi insieme a Giuseppe e Francesco Fazzari. Saliti per uccidere, con l'arma pronta a colpire, sono stati fortunatamente anticipati dall'arresto.

- Alcuni giorni fa a Sanremo due uomini giunti da Cosenza finiscono uno morto sparato e l'altro in galera per l'esecuzione in pieno giorno, in un negozio di frutta e verdura. Il morto ammazzato è Giovanni Isolani, 21enne, chi gli ha sparato è il 25enne Niki Trazza.

- Poi a Ventimiglia torna alla luce la questione del Cantiere di Latte, ovvero delle costruzione "Vista Mare" dietro alle quali c'è l'affiliato alla 'ndrangheta Vincenzo Moio... un cantiere da vedere per capire... e nei prossimi giorni ve lo faremo vedere.

- Intanto i roghi continuano su tutta la "linea" (ed arrivano anche lungo i cantieri della linea ferroviaria "pontremolese" tra La Spezia e Parma)... proprio ieri notte un nuovo locale è andato a fuoco un negozio di alimentari a Ventimiglia, tipo esempio di autocombustione: infranti i vetri e lancio di tre/quattro molotov.

Questa è la fotografia, molto sintetica, della "serena" riviera dei Fiori... ponente ligure...

Leggi tutto

Stampa Email

Continua l'offensiva antimafia in Liguria. Tra cantieri a ponente e confische della DIA a Genova

Controlli nel Ponente e nuove confische dalla DIA a Genova...
Qualcuno continua a far l'antimafia mangiando pastasciutta convinto così di aver fatto la sua parte. Qualcun altro cerca la mafia, ma quella del secolo scorso, non vede quella devastante dell'oggi. Ed intanto qualche quotidiano, come La Stampa, nel ponente ligure titola le proprie locandine con il messaggio "La cappa delle inchieste soffoca la provincia di Imperia", e quindi non - si badi bene - "Mafia e corruzione soffocano l'imperiese ed il resto della Liguria". Alcuni partiti lanciano appelli per la pulizia, invitano a farla, sollecitano... ma non la fanno. Ma nonostante questo panorama l'azione di contrasto alle mafie continua.

Nei giorni scorsi la DIA è entrata nei cantieri dell'Aurelia Bis del ponente ligure, mentre la DDA di Torino è tornata nel Porto di Imperia ed ha incontrato la "nuova" Procura di Imperia che a differenza dell'ex Procuratore, Bernardo Di Mattei, i reati li vede e, quindi, li persegue, anche quando riguardano pezzi grossi come Claudio Scajola, il Bellavista Caltagirone e compagnia varia.
A Sanremo si va veloci verso il processo per il clan dei Pellegrino che però, intanto, vedono la loro società continuare ad operare come se nulla fosse, e mentre a Ventimiglia il Moio scorrazza, al porticciolo "attraccano" rifiuti speciali pericolosi, il Comune è in attesa della Commissione di Accesso richiesta dall'Arma dei Carabinieri, a seguito della nostra istanza al Prefetto.

Intanto oggi (tanto qualcuno continuerà comunque a pensava che i mafiosi girino con la coppola) si è reso evidente che Cosa Nostra ha saputo inserirsi bene nel tessuto genovese. Il Centro Operativo della DIA di Genova ha eseguito un decreto di sequestro e contestuale confisca di beni per un valore di oltre un milione di euro. Il provvedimento è scattato a carico di SECHI Roberto, 44enne genovese, già condannato in via definitiva per 416 bis ed appartenente alla decina di Cosa Nostra, emanazione dell'organizzazione capeggiata da Giuseppe "Piddu" Madonia. Tra i beni oggetto del provvedimento richiesto e ottenuto dalla DIA di Genova vi sono due creperie molto frequentate (una in Piazza Alimonda, alla Foce, ed un'altra di fronte allo stadio di Marassi, in corso De Stefanis), denominate "Chicco 1" e "Chicco 2", oltre alla "Locanda Lucia" (di Salita S.Paolo dalla Stazione Principe), un immobile a San Fruttuoso ed automezzi e moto. Per il dettaglio si invita a leggere il Comunicato Stampa ufficiale della DIA di Genova (in formato .pdf) che pubblichiamo integralmente clicca qui.

Stampa Email

Ventimiglia, al costruendo porto se chiedi i controlli ti tirano una traversina?

la posa del

Nelle scorse settimane come Casa della Legalità abbiamo inviato un esposto (ed un integrazione) al Procuratore della Repubblica di Sanremo, dott. Cavallone ed al Comando dei NOE Liguria, relativo al cantiere del costruendo porticciolo di Ventimiglia, ovvero l'ennesima opera della "Signora dei Porti" Cozzi Parodi, tanto voluta dal sindaco Gaetano Scullino.

Se già avevamo parlato di questa ennesima ferita alla costa ligure perseguita per permettere l'ennesima speculazione, ricordando che i massi venivano conferiti dai camion della ditta Fratelli Pellegrino, ovvero dalla società dei signori del clan Pellegrino della 'ndrangheta (nella foto di apertura lo Scullino e la Cozzi-Parodi-quasi-in-Caltagirone alla possa del "primo masso") in questo caso scriviamo per rendere conto della segnalazione che ha dato il là alle verifiche in merito a rifiuti speciali finiti nell'area del cantiere del costruendo Porto di Ventimiglia...

Leggi tutto

Stampa Email

Nel feudo di Scajola solo pochi intimi... mentre l'inchiesta avanza

il volantino della Casa della Legalità (foto Riviera.24.it)NEL SEGUITO DELL'ARTICOLO IL VIDEO INTEGRALE SULLA MARCIA-STATICA PER SCAJOLA DEL PDL, LA RASSEGNA STAMPA SULL'INCHIESTA (ci scusiamo se non abbiamo inserito il video integrale su youtube ma ultimamente i video che cerchiamo di caricare, una volta online su youtube, hanno ripercussioni sull'audio che in parte viene distorto o azzerato)

Lo scontro tra reale e surreale è aperto. Nel feudo di Claudio Scajola & family il contrasto è ormai lapalissiano e se la comunità sembra ormai essersi resa conto dei fatti, pur dimostrandosi disillusa di un possibile cambiamento, i notabili dell'Impero non vogliono proprio cedere e si affidano ad un mix tra vecchia pratica democristiana ed il berlusconismo più spinto. Così, davanti al procedere degli sviluppi dell'inchiesta giudiziaria sul Porto di Imperia, rispondono facendo scudo all'imperatore Scajola e con lo schierarsi di tutta la sua corte in un attacco alla Magistratura. Ma andiamo con ordine...

Il Porto di Imperia è stato un enorme “buco nero” dove la trasparenza e correttezza della gestione di una società (Porto di Imperia spa) con il 33% di capitale pubblico (del Comune di Imperia) sono state sistematicamente negate. Ne avevamo già parlato... ed ultimamente i nodi erano venuti al pettine quando si scoprì un lievitamento dei costi dell'opera da 29 a 145 milioni di euro. Era scontato che non vi fosse solo un aspetto “ambientale” relativo alla montagna di terra o di abuso edilizio per il capannone... Vi erano già stati sequestri di società della 'ndrangheta operanti in quel sito, così come erano note le movimentazione terra svolte dall'impresa del clan Pellegrino e le demolizioni eseguite dalla Scavo-Ter dei Fotia. E poi la denuncia sull'aumento spropositato dei costi... ed i sequestri documentali effettuati dalla Polizia Postale e poi l'aggiungersi della Guardia di Finanza nel seguire l'azione penale sull'operazione del Porto...

Leggi tutto

Stampa Email

I Carabinieri confermano le infiltrazioni mafiose a Ventimiglia e Scullino querela noi...

Gaetano Scullino
Le notizie da Ventimiglia dovrebbero indurre la politica ad assumersi una volta per tutte le proprie responsabilità ed invece nulla, anzi assistiamo ad uno Scullino che perde le staffe e fa lo "gnorri" imbufalito.
Anziché sbattere i pugni sul tavolo, alzare la voce ed avviare l'ennesima azione intimidatoria attraverso querela per cercare di spaventare chi non rinuncia a vedere, sentire e parlare, dovrebbe capire che non è più tempo per occultare la realtà sotto urla e proclami...

Leggi tutto

Stampa Email

Qualche risposta a Sindaci "gnorri" ed altri che: non vedono, non sentono e non parlano

C'è chi vuol fare lo gnorri...Adesso, reso pubblico da parte nostra l'ultimo grande tassello (quello sui FOTIA) che mancava per dare a tutti la possibilità di comprendere la situazione, ed emerso che la Prefettura di Imperia ha già avviato l'iter per il nostro articolato esposto, possiamo rispondere ai Sindaci che del fare gli gnorri hanno fatto un'arte... e rispondere anche a quanti si stanno, con loro, esibendo nel proporre scenari improponibili di "cospirazione" o di "generalizzazioni", nell'estremo tentativo di sostenere che "tutto va bene"...

Partiamo dal sindaco di CASTELLARO... ovvero dal signor CATITTI Alessandro, che afferma (rispondendo alla Casa della Legalità, ma guardandosi bene dall'inviarci la sua cosiddetta "risposta") di essere risentito che la notizia ed il contenuto della nostra richiesta di Commissione di Accesso presso il suo Comune, non sia stata resa nota a lui! Straordinario: se uno chiede una Commissione di Accesso perché vi sono elementi da approfondire sull'infiltrazione mafiosa in un Comune, prima di chiederlo formalmente al Prefetto, deve - secondo il Catitti, inviare con anticipo il dettaglio al Sindaco del Comune interessato...

Leggi tutto

Stampa Email

Questo Ponente... tra latitanti, infedeli, "brave persone" e colpi bassi

L'imperiese vuole sconfiggere le mafie?[in coda gli articoli de Il Secolo XIX]
Giovanni TAGLIAMENTO è sempre là, in Costa Azzurra, con i suoi affari sporchi. Qualche mese fa faceva il galletto ma in realtà è solo un quaraquaqua che non ha il coraggio di mettere piede in Italia perché stavolta altro che soggiorno obbligato ad Ospedaletti, finisce direttamente al fresco!
Onofrio GARCEA potrebbe tranquillamente essere passato da lì prima della grande fuga, visto che con i cumpari di Cosa Nostra, avevano interessi commercial-immobiliari oltre confine che vedevano anche il galoppino ABBISSO seguire l'andamento dei lavori.
E lì, oltre confine, ad Vallauris vi era anche Roberto CIMA, boss della 'ndrangheta legato ai PALAMARA e del "locale" di Ventimiglia. Tra i 100 latitanti più pericolosi è stato catturato il 26 settembre mentre portava fuori il cane i ROS di Genova con la collaborazione della Gendarmeria francese...

Leggi tutto

Stampa Email

L'ipocrisia non ha limiti... dagli Erzelli a Ventimiglia

CastellanoIl dottor Castellano è davvero straordinario e rappresenta un esempio sublime della spregiudicatezza di certa "imprenditoria"... se domani gli arrivasse davanti Belzebù e gli dicesse che il suo progetto hi tech è da appoggiare, Castellano risponderebbe: grazie sant'uomo. Ed allora, davanti a cotanta mentalità, diviene una barzelletta quanto dallo stesso dichiarato sul "dettaglio" di alcune società operanti nei cantieri della sua "Genova high tech" agli Erzelli. Lì ci opera la famiglia Mamone con la Eco.Ge (già nota e rinota a Genova) e ci lavora soprattutto la "Biella Scavi srl", ovvero quella società che il gruppo imprenditoriale "Perego" (colosso delle costruzioni lombarde che operava con e per le 'ndrine) usava per prendersi i lavori a Genova. La DDA di Milano con i ROS ha fatto intercettazioni, ambientali, indagini rigorosissime, che a dire del Castellano non contano nulla, davanti alle verifiche che la sua "Genova high tech" avevano già fatto non facendo emergere nulla sulle ditte a cui sono stati affidati i cantieri della grande speculazioni sulle alture di Sestri Ponente a Genova. La DDA, i ROS, la DIA non devono più perdere tempo a fare indagini, inchieste, a scavare per anni ed anni nei rapporti tra 'ndranghetisti, imprese e terminali con cui si aggiudicano gli appalti... si affidino al metodo Castellano: non c'è nessun problema, anzi andremo avanti ancora con più velocità nei lavori! (Una domanda: gli avete chiesto quel famoso certificato antimafia che non serve ad un fico secco? Sarebbe bello sapere queste rigorose verifiche fatte in cosa consistono, ma dopo due interviste a Il Secolo XIX il dott. Castellano non ha svelato ancora quali siano state, manco alla lontana!)
ScullinoIl dottor Scullino a Ventimiglia fa quasi tenerezza. Lui che si considera il "podestà" di quella terra e non ha ancora capito che un Sindaco deve amministrate la cosa pubblica rispettando trasparenza e correttezza delle procedure e soprattutto sulla base dell'interesse generale. Se la prende per quanto abbiamo scritto al Prefetto (ed in parte pubblicato su sito) per chiedere con urgenza l'invio di una Commissione di Accesso nel suo Comune - così come a Vallecrosia e Castellaro -? Non ce le ne può fregare di meno, anzi conferma che non gli piacciono e non tollera i controlli (quelli dei cittadini e quelli delle Autorità preposte)... motivo in più per chiedere al Prefetto di accelerare l'invio della Commissione. Anche perché davanti ad un organismo prefettizio con il compito di verificare le infiltrazioni mafiose e la correttezza della gestione della Pubblica Amministrazione, un Sindaco che sa di aver operato correttamente spalanca le porte e consegna senza attendismi le chiavi di tutti gli armadi e cassetti! Scullino invece a fronte del nostro elencare di fatti certi e reali, inconfutabili, vuole farci querela? Ben venga, non abbiamo problemi a vederci in dibattimento, carte alla mano... al massimo il problema lo avrà chi rischia la falsa testimonianza sotto giuramento quando per accusarci di aver "diffamato" dice il falso nello spasmodico tentativo di nascondere i fatti (come già accaduto nel dibattimento per la querela sporta dal signor Gateano Scullino contro Marco Ballestra, referente della Casa della Legalità di Imperia, a seguito delle denunce pubbliche sulle irregolarità nell'Amministrazione comunale, tra cui quella di Latte, dove guarda caso vi era tra i protagonisti il MOIO, indicato come "affiliato" alle cosche, negli atti delle recenti inchieste). Poi si informi un pochino meglio perché la Casa della Legalità nel suo agire non è solo una persona ma un soggetto collettivo, tanto che ad esempio anche la decisione di presentare istanza al Prefetto di Imperia su Ventimiglia, Vallecrosia e Castellaro, è stata assunta e seguita dall'Ufficio di Presidenza, mai da una singola persona (da noi non ci sono "podestà"!).

Stampa Email

Per Ventimiglia ed altri due Comuni dell'imperiese serve la Commissione di Accesso...

Gaetano Scullino, sindaco di VentimigliaOggi abbiamo inviato al Prefetto di Imperia - e per conoscenza al Procuratore Capo di Sanremo ed alla DIA di Genova - una documentata richiesta di invio urgente di una Commissione di Accesso in tre Comuni della provincia di Imperia, tra cui VENTIMIGLIA...
L'iniziativa assunta sul Comune di BORDIGHERA infatti è solo un tassello di una più ampia necessaria azione amministrativa di contrasto alle infiltrazioni mafiose che gravano sulla Pubblica Amministrazione dell'estremo ponente ligure...

Naturalmente non pubblichiamo il documento inviato al Prefetto, ma ci limitiamo ad alcuni estratti sulla realtà di Ventimiglia in quanto, fatti già noti e di tale gravità che dovrebbero imporre un provvedimento di urgenza a tutela dell'interesse pubblico e della corretta e trasparente gestione della cosa pubblica. Infatti la gestione pesantemente viziata da conflitti di interessi e irregolarità, a partire da quelle nell'ambito della società Civitas, rappresentano già di per sè un pesante pregiudizio sulla buona amministrazione...

Leggi tutto

Stampa Email

A Bordighera istituita la Commissione di Accesso, attendiamo le altre!

politica e 'ndrangheta a Bordighera
[nell'ordine da sinistra: di spalle uno dei Pellegrino, Chicco Iacobucci (pdl), Giovanni Tagliasco (assessore pdl), Giovanni Bosio (sindaco) Giulio Viale (ex assessore Lega) ed un altro dei fratelli Peleggrino]

Nonostante la "parata" del sindaco Giovanni Bosio alla fiaccolata "accendiamo la legalità" a Sanremo, dove "Libera" si è spinta sino a far fare anche un intervento contro le mafie al Bosio, il Prefetto di Imperia, alla fine, ha costituito la Commissione di Accesso che ha già iniziato il suo lavoro presso gli uffici del Comune di Bordighera...

Leggi tutto

Stampa Email

"La Liguria e' 'ndranghetista"... ed i politici guardano ai voti

il boss Domenico "Mimmo" GANGEMI
"La Liguria è 'ndranghetista"
è una delle frasi intercettate e riportate nell'Ordinanza della maxi operazione contro la 'ndrangheta al nord... [clicca qui per leggere il volume dove si parla della Liguria] o meglio quella che appare come la prima maxi operazione contro la 'ndrangheta che ha messo le sue radici nel nord. E come abbiamo sempre detto: se le 'ndrine hanno potuto entrare è perché qualcuno la porta agli 'ndranghetisti l'ha aperta. Ed a mostrarsi ottimi portinai si sono evidenziati da un lato i politici, in cambio di pacchetti di voti (e magari anche di un bel po di mazzette), e dall'altro i professionisti e le grandi imprese per cui l'odore dei soldi sporchi non conta.

Ed è su questo aspetto che da tempo insistiamo, perché è qui, nei rapporti con la politica (e quindi con le pubbliche amministrazioni) e con l'economia e la finanza, che le organizzazioni mafiose hanno trovato preziosi alleati, in Lombardia come in Liguria, in Emilia Romagna come in Piemonte, Toscana e così via... ben oltre i confini di quel Mezzogiorno entro i quali la retorica e l'ipocrisia hanno fatto credere che le mafie fossero rintanate. Eppure qui, in Liguria, la retorica e l'ipocrisia trionfano ed il 15 luglio andrà in scena l'ennesimo insulto alla decenza ed alla ragione: sfileranno a Sanremo contro le mafie, con Libera, quei partiti (tutti) che hanno tra le loro fila uomini e donne che con le mafie hanno accettato di dialogare, convivere, collaborare... in cambio di pacchetti di voti. Uomini e donne contigui (se non peggio) alle cosche che i rispettivi partiti sono sempre pronti a difendere a spada tratta.

Partiamo da qui ed andiamo a ritroso nel tempo. Partiamo dagli arresti, qui a Genova... a quegli arresti che appaiono l'avvisaglia della tanto attesa "spazzata via" degli 'ndranghetisti che dominano nelle diverse province, a partire dalla tanto "custodita" terra del savonese, dove l'asse dei grandi "casati" della 'ndrangheta, quello dei Morabito-Palamara-Bruzzaniti e dei Piromalli, hanno trovato intesa piena con la collaborazione della potente cosca dei Gullace-Raso-Albanese, sotto il manto protettore chiamato "massoneria".

Ed allora partiamo dall'alba odierna ed andiamo indietro nel tempo...

Leggi tutto

Stampa Email

La Casa della Legalita non sara' alla fiaccolata di Sanremo: non facciamo i paravento

logo_casa.jpg
IL COMUNICATO STAMPA DELL'UFFICIO DI PRESIDENZA E DELLE SEZIONI PROVINCIALI DI GENOVA, SAVONA, IMPERIA E LA SPEZIA (che nessuno ha osato pubblicare)

La Casa della Legalità - Onlus (www.casadellalegalita.org) da anni denuncia nel dettaglio le infiltrazioni mafiose in Liguria, attraverso inchieste pubbliche e collaborando con i reparti investigativi dello Stato, dando fattivo contributo a molteplici operazioni antimafia e di tutela del territorio. Con questo lavoro quotidiano si sono evidenziate pesanti connivenze, contiguita ed in alcuni casi pesanti complicità, di pezzi della politica, del mondo economico, finanziario e delle pubbliche amministrazioni, con esponenti appartenenti o legati a cosche di 'Ndrangheta, Cosa Nostra e Camorre...

Leggi tutto

Stampa Email

Bordighera va sciolto per infiltrazione mafiose, e non e' il solo Comune ligure

Giovanni Bosio, alla richiesta di sciogliere il suo Comune per infiltrazione mafiose dice che è normaleLo abbiamo detto in tutte i modi possibili: le mafie entrano se qualcuno gli apre le porte. Le licenze, così come appalti, incarichi e concessioni i mafiosi li prendono se qualcuno è disposto a darglieli, così come le protezioni per attività illecite ben note ma che non si volevano contestare e fermare. E questi qualcuno che le porte le aprono e che garantiscono protezioni e sostegni devono necessariamente essere amministratori pubblici e funzionari pubblici.
A Bordighera, come abbiamo ampiamente scritto è successo questo ed è avvenuto in un modo talmente eclatante che non si poteva più tergiversare. In questa direzione abbiamo spinto, anche con la conferenza stampa ed il volantino distribuito a Sanremo sabato 26 giugno: bisogna colpire il braccio dei clan ma anche chi li aiuta, chi fa gli affari, così come chi li copre, anche quindi coloro che prendono i voti rastrellati dalle cosche mafiose e poi pagano il dazio piegando la gestione della cosa pubblica ai desiderato dei mafiosi.
Adesso è ufficiale: i Carabinieri hanno inviato una richiesta ufficiale al Prefetto di Imperia perchè proceda nell'iter per lo scioglimento del Consiglio Comunale di Bordighera in provincia di Imperia...

Leggi tutto

Stampa Email

Le intimidazioni di Caltagirone e gli affari nascosti del Porto di Imperia

La grande inaugurazione dei Claudio, con il Bellavista e tutta l'allegra compagniaAlla fine le questioni del Porto di Imperia vengono a galla, perché qualcuno il suo dovere lo fa ed è così che scatta, con tutta la sua aggressività, l'intimidazione di Francesco Bellavista Caltagirone contro chi osa mettere il naso sui conti, incarichi e forniture del Porto turistico di Porto Maurizio a Imperia.... quello innaugurato in pompa magna da lui con i fedeli alfieri suoi e della "Signora dei Porti" Cozzi Parodi, ovvero i due Claudio, Burlando e Scajola.
Noi, più volte abbiamo sottolineato che era (ed è) non soltanto inconcepibile ma gravissimo che non vi sia trasparenza alcuna sui fornitori e ditte incaricare (direttamente e in subconcessione) della PORTO DI IMPERIA SPA. E questo non solo perché la società ha la concessione pubblica per costruzione e gestione del mega Porticciolo, ma suprattutto perché quella società ha partecipazione e capitale pubblico, accanto ai privati. Infatti la PORTO DI IMPERIA spa è:
- al 33% della ACQUAMARE (a sua volta al 100% della ACQUA PIA ANTICA MARCIA, ovvero di Francesco Bellavista Caltagirone);
- al 33% della IMPERIA SVILUPPO (ovvero degli imprenditori locali: Carli, Isnardi, Guatelli, Parodi, Conti e fratelli Mancinelli);
- al 33% del COMUNE DI IMPERIA...

Leggi tutto

Stampa Email

La riviera delle cosche, perche' qualcuno gli ha aperto la porta

In Liguria e nelle sue riviere le mafie han trovato una porta aperta
DALLA CONFERENZA STAMPA PUBBLICA DI SABATO 26.06.2010
IN PIAZZA BRESCA A SANREMO

Le mafie per riciclare e gestire i propri traffici hanno saputo ramificarsi su tutto il territorio nazionale ed a livello internazionale. La Liguria da decenni ha visto l'infiltrazione, ormai sta vivendo una realtà in cui le mafie si sono radicate nei territori, entrando e condizionando l'economia locale così come anche il voto e quindi alcune scelte delle pubbliche amministrazioni. Hanno saputo radicarsi sfruttando la mimetizzazione in quei luoghi dove era consistente la presenza della comunità delle loro terre di origine, ma anche offrendo "risposta" alle richieste di "mercato". Chi compra droga alimenta le mafie; chi compra la merce contraffatta alimenta le mafie; chi gioca d'azzardo alimenta le mafie; chi compra sesso a pagamento da persone sfruttate alimenta le mafie... così come le pubbliche amministrazioni e le imprese che richiedono lavori a basso costo, con lavoratori in nero gestiti dai "caporali", alimentano le mafie; le pubbliche amministrazioni e le imprese che per risparmiare usano le forniture depotenziate e scadenti gestite dalle cosche, alimentano le mafie; le pubbliche amministrazioni e le imprese che per smaltire rifiuti tossici o effettuare finte bonifiche si serve dei "servizi" delle società dei clan, alimentano le mafie. Ecco alcuni esempi di come si è aperta la porta delle riviere e dell'intera Liguria alle organizzazioni mafiose...

Leggi tutto

Stampa Email

Sul doppio "volto" da colpire delle mafie, conferenza stampa pubblica in piazza a Sanremo

A Sanremo, per indicare i due volti delle mafie...SABATO 26 GIUGNO 2010, ore 15:30, in Piazza Bresca a Sanremo, l'Ufficio di Presidenza terrà una conferenza stampa pubblica ed un volantinaggio per indicare i due "volti" della mafia, quello eclatante e violento e quello mimetizzato e protetto degli affari.
Per sconfiggere le mafie bisogna prima di tutto indicare i nomi, le società... ma anche i "colletti bianchi" e le pubbliche amministrazioni e imprese che si sono mostrati inclini alla convivenza ed alla contiguità, quando non complici.
Infatti colpire il "braccio", come il clan dei PELLEGRINO, è utile, ma occorre non mollare la presa e colpire i vertici e le complicità, a partire dal "fulcro" ben protetto da coperture indicibili che ha base nel savonese, sino dentro a quelle strutture "coperte" come la massoneria. Occorre far emergere dal buco nero le gestioni non trasparenti della cosa pubblica gestita attraverso società pubbliche così come politici e funzionari che hanno garantito (e garantiscono) appalti, concessioni, autorizzazioni, licenze a uomini di mafia e loro prestanome. Occorre ripulire radicalmente ad esempio quel Casinò crocevia di interessi illeciti tra esponenti politici legati alla Leonardo Da Vinci ed esponenti mafiosi.... Ma nel dettaglio ciò che c'è da dire lo diremo sabato 26 giugno, a Sanremo, in quella Piazza dove vi è stato l'ultimo incendio ad un locale, per testimoniare la piena solidarietà agli esercenti vittime degli attentati e delle intimidazioni e perché, si sappia, che le mafie si possono sconfiggere, prima ancora che per via giudiziaria, per via sociale, puntando sulle loro attività, sui loro uomini e sui loro amici e complici, le attenzioni, facendogli sentire il disprezzo sociale, denunciandoli e rompendo l'omertà... perché così facendo si dissolve la loro capacità di intimidazione.
E visto che il signorino Giovanni TAGLIAMENTO ha recentemente dichiato che lui vuol parlare, che lui conosce tutta la riviera e che lui non ha paura, gli rivolgiamo un invito speciale perché venga a parlare... o forse ha troppa paura e preferisce continuare a nascondersi oltre confine come un qualunque quaraquaqua? (e comunque sappia che prima o poi lo si piglia, come già si è fatto con il suo patrimonio, grazie al lavoro della DIA).

Stampa Email

Mafia in Liguria, la risposta ipocrita dei politici, gli danno gli appalti e poi fanno la fiaccolata

Le Pare proprio che non la vogliano capire, o meglio sanno ma fanno finta di nulla e si inventano una "Fiaccolata per la Legalità". Questi sono i politici in Liguria e questa è l'antimafia da corteo, cioè l'ipocrisia totale: prima gli danno quello che vogliono e poi fanno le parate contro.
Alcuni giorni fa abbiamo scritto un analisi attenta della situazione ligure, basata su fatti noti da anni. E' un esposizione ancorata alle risultanze delle inchieste e delle attività investigativa, non su opinioni o suggestioni. E' stata pubblicata dal sito de Il Secolo XIX leggibile a tutti. Ma i partiti, i politici hanno fatto finta nulla e sulla situazione del Ponente ligure hanno partorito un topolino... un topolino già morto: una "fiaccolata" da fare tutti insieme appassionatamente per dirci che si fa lotta alla mafia. Sono ridicoli, anzi vergognosi... e con questa ipocrisia sono anche pericolosi.
Ed ecco perché, schematicamente, con qualche esempio...

Leggi tutto

Stampa Email

Ma il fulcro della mafia ligure e' nel savonese

In Liguria quei due volti delle mafie, quello violento e quello degli affariCon le ultime operazioni antimafia in Liguria chi sosteneva che questo territorio fosse "indenne" da certe presenze è stato smentito. Vi è però il rischio che le mafie riescano a "deviare" le attenzioni su alcuni sacrificabili per tutelare quello che per loro conta: gli affari.

Ecco cosa potrebbe celarsi dietro agli episodi eclatanti del ponente ligure che hanno fatto uscire dall'invisibilità tanto perseguita le cosche calabresi. Per evitarlo non basta l'azione dei giudici, ma serve l'attenzione sociale e mediatica, capace di far emergere quanto è avvolto dal silenzio, non solo per aiutare le indagini ma anche per far sentire un rigetto sociale verso le mafie e le loro indicibili alleanze e coperture...
continua a leggere l'articolo sul sito de Il Secolo XIX

Stampa Email

A Bordighera almeno due mentono (e cosi' coprono il clan)

Al Comune di Bordighera c'è chi denuncia, ma anche chi menteChe l'assessore Rocco FONTI mentisse lo hanno scritto i magistrati a seguito degli accertamenti sulle dichiarazioni dei suoi colleghi, delle sue e di altri. I riscontri lo hanno smentito. E non lo hanno smentito su una bazzecola, ma sulla questione relativa alla richiesta di licenza per un'attività di slot machine perseguita dal clan dei PELLEGRINO, con connesse minacce agli assessori che in riunione di Giunta si erano espressi contrariamente alla concessione. Non solo: fu proprio il FONTI, assessore, che accompagnò i PELLEGRINO presso l'Ufficio comunale dove presentare la richiesta e sempre lui, il FONTI chiamò l'Ufficio per la stessa questione. Ma adesso si aggiunge anche il Sindaco, mentre, invece, a Ventimiglia, si tace, silenzio di tomba...

Leggi tutto

Stampa Email

Il "gruppo PELLEGRINO", ecco l'Ordinanza di arresto

Giovanni PellegrinoLeggendo l'Ordinanza del Gip di Sanremo a carico degli esponenti della famiglia PELLEGRINO si comprende che si è davvero all'inizio dell'offensiva giudiziaria contro gli 'ndranghetisti - rileggi quanto abbiamo pubblicato ieri -. Un'azione che dovrebbe muoversi passo dopo passo e che impedirà a lor signori di approfittare di un unica complessiva imputazione.
Intanto possiamo affermare, carte alla mano, che oltre ai PELLEGRINO Giovanni, Maurizio e Roberto, BARILARO Francesco, VALENTI Francesco, VALENTI Teodoro e Domenico e DE MARTE Rocco, sottoposti a misura di custodia cautelare in carcere, sono anche indagati per questo procedimento: BELLICINI Renato, DI TANO Giovanni, STALTARI Paolo, BANDIERA Attilio e OLTEAN Maria.
Scorrendo gli elementi probatori e le intercettazioni contenute nell'Ordinanza possiamo conoscere i fatti di cui i protagonisti, gli arresti e gli altri indagati, sono responsabili, scoperchiando le pressioni intimidatorie e le minacce portate ad alcuni Amministratori pubblici (ed anche chi invece assecondava il "gruppo PELLEGRINO"), la propensione all'aggressione violenta anche nei confronti delle Forze dell'Ordine oltre che verso le loro vittime, sino alla gestione diretta "di fatto" dello sfruttamento della prostituzione dei noti "imprenditori" tanto amati nel Ponente (da società pubbliche, Comuni e grandi imprese private)... Si può comprendere la pericolosità sociale dei PELLEGRINO e sodali, a partire da quell'esponente apicale che è Fortunato BARILARO (anche se non soggetto a misura restrittiva), sino ai rapporti con il signore della "Coffee Time", ovvero l'INGRASCIOTTA Giovanni legato al super latitante Matteo MESSINA DENARO, ed a contatti con il boss camorrista latitante Giovanni TAGLIAMENTO.
Pubblichiamo praticamente tutto il testo trascritto dell'Ordinanza, tralasciando solo alcune pagine, perché è dalla conoscenza dei fatti che è possibile capire che si possono combattere e colpire questi signori, ma anche e soprattutto è dalla conoscenza dei fatti, delle dinamiche e del contesto che l'Ordinanza ci permette di "vedere" che è possibile capire che i mafiosi li si può denunciare e colpire, senza cedere alle loro intimidazioni ed alle regole dell'omertà.
Quindi a voi la lettura...

Leggi tutto

Stampa Email

I Pellegrino & C... e gli affari della 'ndrangheta, non solo nell'imperiese

'ndrangheta colpita nell'imperieseI primi particolari emersi in merito all'Operazione antimafia di ieri nell'imperiese confermano che i reati contestati sono tipici reati di stampo mafioso: dalle estorsioni alle minacce arrivando anche sfruttamento della prostituzione.
Nella notte tra il 12 e 13 giugno, coordinati dalla Procura di Sanremo, sono entrati in azione un centinaio di agenti dell'Arma dei Carabinieri con l'ausilio anche di due elicotteri e di unità della Guardia di Finanza, in uno scenario che non era quello della Locride o di Palmi, bensì quello tra Sanremo, Ventimiglia e Bordighera.
Gli 'ndranghetisti qui sono "imprenditori", ben inseriti negli appalti pubblici, con licenze ed affari di primo piano. Sono i tre fratelli PELLEGRINO, ovvero Roberto, Maurizio e Giovanni; due fratelli VALENTE, Teodoro e Domenico; Francesco VALENTI; Rocco DE MARTE e Francesco BARILARO...

Leggi tutto

Stampa Email

Quando si vuole la 'ndrangheta non e' "invisibile". Finalmente arresti nell'imperiese

'Ndranghetisti, tra cui i fratelli Pellegrino in carcereLa mafia non è un ectoplasma, ma è fatta di soggetti ben identificabili e, visto che la mafia fa affari, ha anche delle società ben note e cosiddetti imprenditori capaci di infiltrarsi nell'economia legale con i capitali illeciti, le intimidazioni, ma anche corrompendo chi è necessario. E se questa è la mafia, qui al Nord, in Liguria, significa che qualcuno gli ha aperto la porta, perché altrimenti non avrebbero avuto possibilità di aggiudicarsi appalti e/o subappalti, concessioni e licenze.
Nel ponente ligure da decenni si dice che c'è la mafia, vi erano anche al vaglio centinaia di nominativi su cui si evidenziava l'esigenza di misure quali la sorveglianza speciale, ma tutto restava fermo, nonostante i rapporti dei reparti investigativi. Vi è l'infiltrazione conclamata nel giro del Casinò così come in quello del commercio e quello del movimento terra, dell'edilizia, dei lavori pubblici e delle forniture. Ne abbiamo parlato più volte, ma si continuava col dire che erano presenza "invisibile", quando andava bene, oppure, quando era peggio, che si indicavano "noti imprenditori"...

Leggi tutto

Stampa Email

AlzaLaTesta.net - emergenza art. 21 in zona franca

AlzaLaTesta - emergenza art. 21 in Fare informazione sui fatti, far emergere la verità di una realtà che ci circonda ma che è ignorata o censutara/auto-censurata dall'informazione "ufficiale" (quella che vive grazie ad inserzionisti e cresce con gli opportunismi), comporta sempre più, anche nella rete, i rischi di colpi bassi che, con qualche azzeccagarbugli di turno, punta a negare quell'art. 21 della nostra Costituzione che dovrebbe essere invece barriera invalicabile.
Marco Ballestra con AlzaLaTesta,net, rappresentano la Casa della Legalità di Imperia e come detto, da sempre, se toccano loro toccano noi e tutta la Casa della Legalità. Quindi dal momento in cui AlzaLaTesta dovesse essere "bloccato", in attuazione del decreto di sequestro preventivo notificato, il sito della sito della Casa della Legalità è a disposizione per tutte le pubblicazioni... l'art. 21 della Costituzione c'è e su quello non ci cede! Così fu già per DemocraziaLegalita.it ai tempi in cui fu bloccato e sequestrato derivante dalla comune pubblicazione della Relazione della Commissione di Accesso all'Asl di Locri... e così sarà sempre...

Leggi tutto

Stampa Email

Ventimiglia "calda" realta' della Riviera (anche secondo il Rapporto Carrer)

incendio... come quelli che devastano l'imperiese

Alcuni giorni fa il sito dell'associazione Alza la Testa ha pubblicato un articolo in cui comunicava che per l'ennesima volta uno stabilimento balneare veniva distrutto da un incendio. Questa è stata la volta della Margunaira che ci si ricorda "qualche anno fa è bruciata da sola". Come altri stabilimenti: Stella Marina, il Corallo a Valllecrosia, Sirena. Ed oltre ai bagni di Ventimiglia, nel imperiese, vanno normalmente a fuoco "auto , escavatori, camion , bar, ristoranti, discoteche"...

Leggi tutto

Stampa Email

presto attivo il

Frammenti sulla Liguria

Frammenti su altre Regioni

Dossier & Speciali

I siti per le segnalazioni

Osservatorio Antimafia
www.osservatorioantimafia.org

Osservatorio Ambiente e Salute
www.osservatorioambientesalute.org

Osservatorio sulla
Pubblica Amministrazione
www.osservatoriopa.org

 

e presto online

sito in fase di allestimento