La Casa della Legalità - Onlus è un'associazione nazionale di volontariato, indipendente ed opera senza finanziamenti pubblici o sponsor

seguici e interagisci suFACEBOOK TWITTER  YOUTUBE

CASA DELLA LEGALITA' E DELLA CULTURA - Onlus
Osservatorio sulla criminalità e le mafie | Osservatorio sui reati ambientali | Osservatorio su trasparenza e correttezza della P.A.

E per i FOTIA è scattato il sequestro di 10 milioni di beni

[CON IL TESTO INTEGRALE DEL PROVVEDIMENTO DI SEQUESTRO]
Noi lo dicemmo che Pietro doveva risparmiare la saliva per i tempi duri... e comunque le mutande che “donammo” alla sua famiglia ora gli verranno bene (oltre al portarsele dietro – come ha dichiarato in pubblica udienza – nella valigetta, potrà anche usarle). Il sequestro è scattato all'alba per le imprese SCAVO-TER, P.D.F. e SE.LE.NI., eseguito dalla D.I.A. di Genova e dalla Polizia di Stato di Savona. Sequestro finalizzato a confisca per intestazione fittizia dei beni. Loro ci provarono, nel 2012, ad aggirare le misure interdittive antimafia disposte dalla Prefettura di Savona. Oltre che scendere in piazza con un pezzo di “LIBERA Savona”, ovvero con la CISL, contro le misure interdittive (perché “legalità si, ma prima il lavoro”), avevano pensato di aggirare le misure interdittive con la costituzione della SE.LE.NI. a cui passare le quote della P.D.F. e così liberare quest'ultima (a cui avevano passato mezzi della SCAVO-TER) per poter continuare ad operare nell'ambito dei lavori pubblici (Provincia, Comuni... ed anche Autorità Portuale di Savona dove dirigente è – come ricordammo da tempo – il marito della referente di “LIBERA Savona”). Noi denunciammo subito a Prefettura, Procura e reparti investigativi quella società “schermo” alla cui guida era stato piazzato uno dei loro parenti di Africo, il CRIACO Giuseppe. Ne parlammo anche pubblicamente, portando, come ci piace ed è giusto, l'attenzione sulle manovre dei signori di Africo tanto amati a Savona e circondario... 

Oggi per quella manovra di intestazioni fittizia dei beni, chiaramente volta ad aggirare le interdittive e sfuggire a misure di prevenzione richieste dalla Procura di Savona con la D.I.A., è stato presentato il conto. E le loro aziende, per un valore di 10 milioni di euro, sono finite sotto sequestro.

Ancora una volta si dimostra che mai bisogna mollare la presa e che gli uomini della 'ndrangheta possono minacciare e cercare di intimidire quanto vogliono, ma alla fine se non gli si china il capo, la meta è segnata e l'unica fine che giunge è la loro!

IL TESTO INTEGRALE DEL SEQUESTRO (formato .pdf)

 

Lo speciale sui FOTIA

 

Stampa Email

presto attivo il

Frammenti sulla Liguria

Frammenti su altre Regioni

Dossier & Speciali

I siti per le segnalazioni

Osservatorio Antimafia
www.osservatorioantimafia.org

Osservatorio Ambiente e Salute
www.osservatorioambientesalute.org

Osservatorio sulla
Pubblica Amministrazione
www.osservatoriopa.org

 

e presto online

sito in fase di allestimento