La Casa della Legalità - Onlus è un'associazione nazionale di volontariato, indipendente ed opera senza finanziamenti pubblici o sponsor

seguici e interagisci suFACEBOOK TWITTER  YOUTUBE

CASA DELLA LEGALITA' E DELLA CULTURA - Onlus
Osservatorio sulla criminalità e le mafie | Osservatorio sui reati ambientali | Osservatorio su trasparenza e correttezza della P.A.

Anm - Sentenza della Cassazione sul caso SME

04-12.2006 - Associazione Nazionale Magistrati
Comunicato della Giunta Esecutiva Centrale

Sentenza della Corte di Cassazione sul caso SME ed attacchi alla magistratura milanese...

L'Associazione Nazionale Magistrati esprime viva preoccupazione e sconcerto per reazioni e commenti sulla decisione della Cassazione nel caso Sme, che ha annullato le sentenze milanesi di primo e secondo grado ritenendo la competenza del Tribunale di Perugia.

Sembra persino superfluo dover rammentare che la Cassazione emette valutazioni in diritto su provvedimenti e non certo apprezzamenti sulle persone dei magistrati.

Pertanto, l'ANM respinge come inaccettabile l'attacco personale da più parti, anche autorevolissime, portato alla magistratura milanese.

I magistrati milanesi in sede di udienza preliminare, giudizio di primo grado e giudizio di appello hanno affermato la loro competenza con motivate decisioni.  Ora la Corte di  Cassazione, disattendendo le richieste del Procuratore Generale presso la stessa Corte, ha diversamente concluso.

Quando la motivazione sarà depositata, le argomentazioni portate a sostegno della decisione saranno offerte alla valutazione dei giuristi, investendo la problematica spesso controversa della competenza
territoriale.

L'ANM  sin d'ora rileva che è del tutto priva di fondamento l'affermazione secondo cui la Cassazione nell'ordinanza del 2003 che respingeva la richiesta di trasferimento per legittimo sospetto avrebbe
lanciato un  univoco "avvertimento" nel senso della incompetenza della magistratura milanese. Ovviamente in quella sede, la Cassazione non poteva lanciare alcun avvertimento e non lo ha fatto, come emerge dalla lettura della  pronuncia 27 gennaio 2003 delle Sezioni Unite.

Al riguardo si deve  anche ricordare che tale pronuncia riguardava sia il caso "Imi Sir" che il caso "Sme" e che nel primo procedimento la stessa Cassazione, con sentenza passata in giudicato, ha confermato la
competenza milanese.

Ed ancora si deve ricordare che con sentenza della  IV Sezione del 23 maggio 1996, n. 1616 la stessa Corte di Cassazione nel procedimento "Sme" aveva affermato con nettezza la competenza milanese, pur nei limiti di un esame in sede di ricorso contro la misura cautelare emessa nella fase delle indagini preliminari.

E' dunque del tutto fuorviante ed inaccettabile attribuire ad "ostinazione" le motivate decisioni assunte dalla magistratura milanese, ancora una volta oggetto di pesantissimi attacchi solo per avere fattoil proprio dovere per giungere ad un accertamento su reati gravissimi come la corruzione di giudici ed in applicazione del principio di eguaglianza dei cittadini di fronte alla legge

La Giunta Esecutiva Centrale

 

 

 

Tags: sentenza, milano, anm, sme, attacchi, magistratura, governo, cassazione

Stampa Email

presto attivo il

Frammenti sulla Liguria

Frammenti su altre Regioni

Dossier & Speciali

I siti per le segnalazioni

Osservatorio Antimafia
www.osservatorioantimafia.org

Osservatorio Ambiente e Salute
www.osservatorioambientesalute.org

Osservatorio sulla
Pubblica Amministrazione
www.osservatoriopa.org

 

e presto online

sito in fase di allestimento